mercoledì 30 maggio 2018

Dal sito del Confratello P. Ambrogio di Torino.

Sulle ingiustizie nella vita della Chiesa 

dal blog del sito Orthodox England, 28 maggio 2018

La Chiesa, il corpo incarnato di Cristo, è sempre stato il campo di battaglia centrale tra Dio e il mondo, il cui principe è Satana. È per questa ragione che il mondo cerca costantemente di distruggere e corrompere la Chiesa, infiltrandola con coloro che scioccamente e ciecamente fanno la volontà di Satana. La storia è piena di famosi esempi di nemici interni e di traditori nella vita della Chiesa. Di fatto fu questo il fondamento della vita monastica nel IV secolo. Tutto questo perché la presenza di Cristo è aberrante per Satana, che vuole il mondo per se stesso, come vediamo nelle tentazioni di Cristo, raccontate nel quarto capitolo del Vangelo di Matteo. Satana ha sempre cercato di trasformare la Chiesa nel mondo, per fare della Fede una semplice "religione" statale o istituzionale. Trasforma vescovi e preti in anti-pastori, in scribi (intellettuali vanitosi e pomposi come Ario e così tanti accademici che, gonfiati dalla futile conoscenza descritta dall'apostolo Paolo in 2 Timoteo 3: 4, pensano di sapere tutto) e farisei (ritualisti), per non parlare di persecutori e burocrati. Così, nella storia della Chiesa, ogni eresia e ogni scisma è stato un tentativo, solitamente inconsapevole a causa della delusione spirituale di coloro che guidano l'eresia e lo scisma, per compromettere la Chiesa con il mondo.
Così, nel settimo secolo in queste isole, monaci irlandesi disordinati ma santi erano disorientati da una religione romana organizzata ma fredda; durante il primo millennio successivo gli zelanti monaci della Nuova Roma (Costantinopoli) furono crudelmente perseguitati da imperatori e imperatrici con i loro progetti politici iconoclasti filo-islamici; nell'XI secolo la Vecchia Roma cadde nella tentazione di trasformare il suo vescovo in un imperatore universale che comandava eserciti e torturatori, sostituva Dio e dal quale, si diceva, procedeva lo Spirito Santo e così tutta la verità e l'autorità; alcuni secoli fa in Russia sorse un grande dibattito tra gli eremiti non possessori e coloro che gestivano i monasteri come unità economiche con terreni agricoli e contadini; poco più di un secolo fa la Chiesa russa, sebbene con grandi istituzioni, era compromessa come parte delle macchine statali, e la gente non si radunava attorno a ricchi vescovi-burocrati, preti cittadini carrieristi e cori professionisti operistici all'italiana in chiese di pietra, ma attorno a poveri anziani portatori di spirito in cappelle di legno nei monasteri provinciali; e ai nostri tempi il più grande santo della diaspora, san Giovanni di Shanghai, fu processato da vescovi che sostenevano i laici con denaro e potere, e non gli autentici fedeli.
Che cosa dobbiamo fare di fronte alle ingiustizie nella vita della Chiesa?
In primo luogo, potremmo sbagliarci: possiamo sapere che abbiamo ragione, solo se siamo perseguitati. Ce lo dice Cristo (Luca 21 e Giovanni 16). Accettiamo quindi la persecuzione, a condizione che non ci costringa a violare i comandamenti. Se ciò significa compromettere i comandamenti, dobbiamo trasferirci in un'altra diocesi canonica, ma non in una non canonica. La persecuzione non è infatti una scusa auto-giustificante per cadere nello scisma. La Chiesa è ovunque disseminata di piccoli gruppi, o per meglio dire sette estremiste, per esempio di nuovi calendaristi o di vecchi calendaristi, che furono spesso inizialmente vittime di ingiustizie episcopali, ma che ora non hanno alcuno status canonico e quindi hanno screditato se stessi. Ma il calendario della Chiesa è anche e ovunque disseminato di santi che hanno sopportato le ingiustizie, tra quelli recenti san Nettario di Egina e san Giovanni di Shanghai, e che così sono diventati santi. Non si sono tolti le loro corone.
In secondo luogo, mentre rimanete nella Chiesa con quelli che causano l'ingiustizia, non partecipate a quell'ingiustizia, mettetevi dalla parte delle vittime dell'ingiustizia. Ci saranno degli anti-pastori, ma voi dovete rimanere pastori, e la vostra coscienza pulita. I bulli, i narcisisti e i manipolatori degli ingenui, con le loro menzogne insinuatrici, l'ipocrisia e i tentativi di screditare, non vinceranno. Questi non pensano al Giudizio ultimo e non tremano, ma voi pensateci e tremate.
In terzo luogo, dobbiamo sapere che, come si suol dire, ciò che dai, ti ritorna. I nostri persecutori dovrebbero tremare – in ogni caso, lo faranno presto. Ho visto così tanti che hanno perseguitato la gente della Chiesa, e cose terribili sono accadute a tutti prima o poi, senza eccezioni. Negli ultimi quarant'anni e più, li ho visti, vescovi e sacerdoti che muoiono improvvisamente dopo aver agito in modo oltraggioso. Pensavano di poter farla franca: non ci sono riusciti. Siate pazienti: la verità verrà allo scoperto. Dio è sempre dalla parte dei buoni e dei fedeli. Siate pazienti, la giustizia arriverà sempre, perché l'uomo propone, ma Dio dispone: non fatevi ingannare; non ci si può prendere gioco di Dio; poiché ciò che l'uomo semina, quello ancora raccoglierà (Galati 6:7).

sabato 26 maggio 2018

Giornali e giornalisti dell'ex Terzo Reich sparano a zero sull'Italia, Macron ogni cinque minuti sputa sentenze, i politici "ubriaconi" di questa schifezza di europa buttano fango e si intromettone nelle nostre facende politiche, in Italia abbiamo i soliti servi che, supini, si schierano contro "il popolo del 4 marzo" e della sua libera espressione di voto.......tutti contro questo governo che con tanta difficoltà cerca di venire fuori. Se tutti sono contro vuol dire che la Lega ed i 5 stelle mettono paura anche nella scelta dei prossimi componenti del Governo. Il Colle continua imperterrico a mettere il bastone tra le ruote e porta avanti la politica "napoletana" presidenziale. Ieri nesuno ha battuto ciglia, oggi tutti ringalluzziti............... Siamo nella merda assoluta !!!!!!

venerdì 25 maggio 2018

Sequenza fotografica del battesimo del piccolo Francesco Cesar

Questo pomeriggio, venerdi 25 maggio 2018, presso la nostra Chiesa Parrocchiale Ortodossa del Patriarcato di Mosca, di Castrovillari, abbiamo officiato il battesimo al piccolo Francesco Cesar.
Vi presento una sequenza di foto dell'occasione.


mercoledì 23 maggio 2018

PENTECOSTE 2018

Programma ufficiature periodo della Santa Pentecoste presso la Chiesa Parrocchiale Ortodossa, San Giovanni di Kronstad del Patriarcato di Mosca, Palazzo Gallo / Piazza Vittorio Em. II a Castrovillari (Cosenza - Italia):

Sabato 26 maggio: Sabato dei defunti - Ore 18.00 Panikida / Parastas


Domenica 27 maggio: Pentecoste - Divina Liturgia - Ore 9,30


Domenica 27 maggio: Vespro - Ore 18.00 - Vecernie della Goniklisia (Inginocchiamento)

venerdì 18 maggio 2018

Care Figlie e cari Figli della Santa Chiesa Ortodossa, dopo aver festeggiato ieri l'ascensione di Cristo al cielo, il nostro calendario ecclesiastico ci suggerisce che, domenica 20 maggio, la Santa Chiesa Ortodossa festeggia tutti i santi Padri che hanno preso parte al primo concilio della Chiesa indivisa a Nicea nel 325. In questo primo concilio, dove parteciparono tutte le Chiese di allora, secondo dopo quello apostolico di Gerusalemme, indetto dall'Imperatore Costantino, vennero rimosse le eresie di Ario e si gettarono le basi per la stesura del Credo. Inoltre si stabili una data per la festa della Pasqua e si diede mandato al Vescovo di Alessandria di stabilire il giorno della festa che poi avrebbe comunicato a tutti gli altri vescovi.
Domenica, come già comunicato, la celebrazione della Divina Liturgia, sarà presso la Chiesa Parrocchiale Ortodossa "San Arsenio di Cappadocia" in Via Balbia n.7 ad Altomonte con inizio alle ore 10.00.
Mentre la celebrazione, domenica 27 maggio, della Santa Pentecoste, avverrà presso la Parrocchia di Castrovillari.
Il Signore asceso al cielo, ci stia vicino, ci protegga e ci benedica.


giovedì 10 maggio 2018

13 maggio 2018 Domenica del Cieco nato, la Chiesa Ortodossa festeggia il santo Apostolo Giacomo, fratello di Giovanni e figlio di Zebedeo. La Divina Liturgia sarà celebrata presso la Chiesa di San Giovanni di Kronstadt del Patriarcato di Mosca, palazzo Gallo / piazza Vittorio Em. II, con inizio alle ore 9,30 circa a Castrovillari. Il Signore Gesù Cristo risorto dai morti, sia con tutti voi, vi benedica e vi protegga !!!!


martedì 24 aprile 2018




Ricordo, paternamente, alle mie fedeli e ai miei fedeli ortodossi, che domenica prossima 29 aprile 2018 (del paralitico), la celebrazione della Divina Liturgia riprenderà presso la Chiesa Parrocchiale "San Giovanni di Kronstadt" a Castrovillari, come sempre con inizio alle ore 9,30.

sabato 7 aprile 2018


QUETU MËMË E MOS MË QAJË,
PSE TË SHËTUN MEZËDIT U JAM I NGJALLË !!!!


KRISHTI U NGJALL !!!

KRISTOS VOSKRESE !!!


HRISTOS A INVIAT !!!


KRISTOS ANESTI !!!


CRISTO E’ RISORTO !!!


A TUTTE LE FEDELI ED I FEDELI ORTODOSSI
" BUONA E SANTA PASQUA "

giovedì 5 aprile 2018

Giovedi Santo


"Oggi è sospeso al legno colui che ha sospeso la terra sulle acque. E' cinto di una corona di spine il Re degli angeli, di una falsa porpora è rivestito colui che avvolge il cielo di nubi, è schiaffeggiato colui che ha liberato Adamo nel Giordano. E' confitto con chiodi lo Sposo della Chiesa. E' trafitto di lancia il Figlio della vergine. Adoriamo i suoi patimenti, o Cristo. Mostraci anche la tua gloriosa Resurrezione".
Dopo il V evangelo e dopo la lettura della XIV Antifona, il sacerdote con la Croce, dopo aver fatto il giro dell'altare, esce dal Vima e si dirige nel luogo della crocifissione. Qui canta "Simeron cremate...." (Oggi è sospeso il legno...... ) incensa la Croce , la bacia e fa tre grandi prostrazioni.
Care Fedeli e Cari Fedeli, anche questa sera ci troveremo presso la nostra Chiesa Ortodossa "San Giovanni di Kronstadt", del Patriarcato di Mosca, palazzo Gallo / Piazza Vittorio Em. II a Castrovillari per la celebrazione del Mattutino.
Vi aspetto come sempre verso le 17.15.
Ricordo, se ce ne fosse bisogno, che stiamo celebrando in tutta la sua le ufficiature della Grande e Santa settimana del Signore Gesù Cristo.
Non lasciatemo solo...........Vi aspetto.

lunedì 26 marzo 2018

Siamo alle comiche, la Gran Bretagna farnetica, gli Usa comandano, i cagnolini europei scodinzolano e il governo italiano, oramai solo per i fatti correnti, subito si inchinano e senza che nessun funzionario, nelle Ambasciate Russe, abbia fatto nulla, viene espulso.
Tutti si inchinano, tutti obbediscono, tutti espellono, tutti si sentono offesi, non so di cosa, ma tutti supini ai comandi americani si sentono forti e potenti.
Speriamo che i futuri governanti italiani se ne freghino dei comandi ameri-cani e si riprendano la loro dignità di appartenenti ad una nazione seria e non zimbello di tutti.
Forza Putin, vogliono distruggere la Santa Russia e con la Russia la sua Fede ortodossa.
Le Sette anticristiane americane, alleate con l'anticristo, sperano di vincere. Ma il demonio non prevarrà ....... Cristo ne uscirà ancora una volta vincitore.