mercoledì 26 luglio 2017

http://www.ortodossiatorino.net/

Il mio cammino verso l’Ortodossia

Testimonianza di padre Serafim (Valeriani)



Sono lo ieromonaco Serafim (Valeriani), parroco presso la Chiesa Ortodossa san Basilio il Grande di Bologna. Il mio cammino verso l’Ortodossia è iniziato nel 1999. Avevo già sentito parlare da giovane dei cristiani ortodossi molte volte, soprattutto agli incontri ecumenici tenuti dalla comunità di Taizè, ma di persona fino al 1999 non avevo mai incontrato un ortodosso vero in carne ed ossa col quale dialogare e discutere della Fede.
Per far capire come sono arrivato dove sono è bene presentarmi: come ho detto il mio nome da monaco è Serafim, sono bolognese di antica famiglia (l’albero genealogico da parte di madre arriva fino al 1450), sono nato a Bologna e cresciuto fra la città e San Chierlo, ridente frazione in Comune di Monte san Pietro, dove i miei nonni materni avevano un bel podere da contadini. Credo che l’animo contadino sia naturalmente portato al Divino, il contadino prepara la terra, semina nei tempi prestabiliti, aspetta con pazienza, guarda il cielo aspettando la pioggia, la neve o il sole a tempo debito e poi raccoglie quel che il buon Dio gli dona. Il vivere così a contatto con la natura, secondo il mio modesto parere e l’esperienza, fa dei contadini un ceto sociale fra i più religiosi. La vita dei miei nonni era scandita dal calendario e nel calendario c’erano le feste dei santi, e per ogni festa i miei nonni avevano un proverbio che spiegava guardando il cielo ciò che il Signore avrebbe mandato: la pioggia, il sole o la neve... certe volte tendiamo ad idealizzare il nostro passato, ma ripensando a qui tempi vedo che essi hanno inciso profondamente sul mio carattere, furono anni molto felici fra le mie adorate colline e i miei numerosi impegni da contadino in erba. Furono anni in cui incontrai persone di grande religiosità e fede, certamente erano tutti romano cattolici, ma persone che mi hanno dato molto e di cui ho un caro ricordo, persone che forse la storia ha dimenticato o dimenticherà ma di cui brilla eterna memoria davanti a Dio. All’età di 12 anni morì il mio caro nonno Osideo e la casa con tutto il podere furono venduti, la vita che avevo vissuto fino ad allora cambiò radicalmente per svolgersi prevalentemente in città, nell’età dell’adolescenza come spesso accade mi allontanai dalla religione per poi riavvicinarmi verso i 16 anni, fu allora che iniziai a frequentare con regolarità la parrocchia romano cattolica vicino a casa mia, diventando anche catechista ed educatore di azione cattolica. Poiché sono una persona curiosa di natura e poiché nella confessione romano cattolica mi mancava qualcosa (un qualcosa che non sapevo spiegarmi) iniziai dai 18 anni a interessarmi delle religioni, della loro storia e iniziai anche a frequentare tutte le possibili religioni, culti, sette presenti nel territorio bolognese. Studiavo, approfondivo, frequentavo, per poi rimanere sempre romano cattolico, perché la logica teologia della confessione romano cattolica non aveva paragoni con le fantasiose teorie dei numerosi gruppi frequentati.
Veniamo così al 1999, nel mese di novembre mi ricordai di essere entrato alcuni anni prima in una chiesa ortodossa in via sant’Isaia a Bologna. Decisi di andare un sabato a vedere se fosse aperta. Era aperta, veniva celebrato il grande vespro, non capii molto se non qualche cosa che si cantava anche a Taizè: Gospodi pomilui (Signore abbi pietà), slava Tebe Bozhe (gloria a Te o Dio), rimasi comunque impressionato dalla bellezza e dalla spiritualità della funzione... Dalla tabella degli orari vidi che il grande vespro veniva celebrato tutti i sabati, il sabato successivo 10 minuti prima dell’inizio della funzione ero già in chiesa. Il parroco, l’indimenticato e indimenticabile archimandrita Mark (Davitti) stava accendendo le lampade all’iconostasi e due ragazze, Natalia, russa, e Ketevan, georgiana, si stavano preparando a cantare. Ricordo che padre Marco si voltò e mi chiese:
- Russki? (Sei russo?)
- No, padre, sono italiano.
- Ah, italiano di dove?
- Di Bologna, padre.
- E la mamma?
- Bolognese
- E il papà?
- Bolognese.
Ricordo che padre Marco alzò le mani con un gesto di meraviglia ed esclamò con la sua voce tonante e il suo accento toscano:
- Un bolognese figlio di bolognesi!?!?!? Ma lo sai che te tu sei una razza in via di estinzione come la foca monaca?????
Una risata fragorosa riempì le antiche volte della chiesa e da quel giorno io e il padre Marco diventammo amici, di più egli col passare del tempo diventò il mio padre spirituale e colui che mi avrebbe accolto qualche tempo dopo nella Una, Santa, Cattolica e Apostolica Chiesa.
Qualche giorno più tardi lessi sul giornale che l’arcidiocesi romano cattolica di Bologna organizzava un viaggio a Mosca con visita a varie chiese e santuari ortodossi e partecipazione a varie funzioni fra cui anche una Divina Liturgia celebrata da sua santità il patriarca Alessio. Mi iscrissi al viaggio, diedi tutti gli esami all’università (ricordo ancora l’esame di farmacognosia preparato in 2 settimane) e alla fine di febbraio ero pronto a partire per Mosca. L’impatto con la città, le sue chiese, i monasteri, le icone secolari davanti alle quale brillavano le candele di cera pura fu per me un’esperienza meravigliosa. Il bacio delle reliquie di san Sergio, i canti alla Divina Liturgia celebrata dal patriarca, la pietà dei singoli fedeli mi si impressero nell’anima.
Il momento culminante del viaggio era rappresentato dalla benedizione di un’icona della Madre di Dio di Vladimir. L’arcidiocesi di Bologna qualche tempo prima aveva fatto dono al patriarcato di un’icona della Madonna di san Luca, ora il patriarcato ricambiava con il dono di un’icona della Madonna di Vladimir. Mi vengono ancora i brividi a parlare di quel momento, fu la semplice benedizione di un’icona, c’era un diacono che cantava le litanie con una profonda voce da basso, un metropolita (mi pare si chiamasse Serghij) che celebrava la funzione e molti fedeli in chiesa che pregavano con grande fervore, ebbene ad un certo punto mi voltai indietro, vidi le babushke (nonnine) russe tutte con un bel fazzoletto che adornava il loro capo, vidi i loro occhi, il loro fervore e per un istante mi sembrò che il tempo si fosse fermato ad anni prima, rividi nei volti di quelle donne il volto delle donne del mio paese (quando ero piccolo nelle chiese romano cattoliche in campagna tutte le donne portavano ancora il velo) e in quell’istante esclamai:
- MA QUESTA E’ LA MIA CHIESA!
Fu una sensazione netta e precisa, là lontano da casa, in mezzo a persone sconosciute ma che mi ricordavano la mia infanzia, proprio là avevo ritrovato la mia Chiesa.
Ritornato a casa, sotto la saggia guida del padre Marco iniziai il mio cammino che mi avrebbe portato ad aderire, o meglio ancora a ritornare nel seno della Chiesa Ortodossa.
Che cosa ho trovato nella Chiesa Ortodossa che non ho trovato da altre parti? Essenzialmente una cosa: la pienezza della Verità, anzi per essere più precisi la Cattolicità della Verità. Cattolica è una parola che deriva dal greco “Katholikà”, spesso soprattutto in occidente si traduce questa parola come “universale”, la Chiesa è Cattolica in quanto accoglie uomini di ogni epoca, di ogni etnia, di ogni ceto sociale... questo è un aspetto della Cattolicità della Chiesa ma non è l’unico, ancora di più Cattolica significa “secondo il tutto” “secondo la pienezza”. La Chiesa è Cattolica in quanto conserva e predica il Vangelo, la Buona Novella di Nostro Signore Gesù Cristo, quella Buona Novella diffusa nel mondo dai santi Apostoli e i loro successori, mirabilmente spiegata dai santi Padri, senza ad Essa aggiungere o togliere niente. Solo nella Chiesa Ortodossa ho trovato la Cattolicità della Verità, la pienezza della Verità rivelata.
Se dovessi descrivere con due parole la Chiesa Ortodossa userei essenzialmente “luce” e “gioia”. Il cuore pulsante, il centro, la ricchezza della Fede Ortodossa è la Pasqua, la festa della Pasqua supera di gran lunga in grandezza qualsiasi altra festa come la luce del sole supera di gran lunga quella della luna o delle altre stelle. Nella Pasqua noi facciamo esperienza di Cristo morto e risorto, dalla resurrezione di Cristo nasce per noi una speranza nuova, la morte non ha più l’ultima parola, Cristo ha vinto la morte e ha dato a noi uomini immersi nelle tenebre di questo mondo una speranza nuova. La resurrezione di Cristo ha distrutto le tenebre della morte, ha distrutto chi aveva il potere della morte cioè il diavolo e ci ha donato la vita immortale. Siamo stati illuminati dalla luce di Cristo, quella luce che non tramonta e gioiamo con lui in questa vita nuova dove la morte non ha più l’ultima parola poiché l’ultima parola ce l’ha Cristo risorto. La centralità della Pasqua come esperienza di Cristo risorto appartiene anche alle altre confessioni cristiane, ma solo nella Chiesa Ortodossa essa riceve tutta la sua centralità, tutta la sua importanza, tutto il suo fulgore.
Una è la perla preziosa che ho trovato nella Chiesa Ortodossa: la pienezza della Verità, due sono le parole con cui la descriverei: luce e gioia, e tre sono le armi che Essa ci dona per combattere la buona battaglia della Fede: i santi Misteri (Sacramenti), la preghiera e il digiuno.
Quello che lascia a bocca aperta i non ortodossi è spesso la celebrazione dei santi Misteri (Sacramenti): il Battesimo e la Cresima che ci introducono alla vita cristiana, la santa Eucarestia nella quale riceviamo il Corpo e il Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo per il perdono dei peccati e la vita eterna, la Confessione che ci rimette i peccati anche quelli più gravi, l’Olio santo che ci è dato per la nostra salute, il Matrimonio che fa della famiglia naturale fra uomo e donna una piccola Chiesa domestica, l’Ordine sacro che perpetua il sacerdozio. La celebrazione dei santi Misteri nella Chiesa Ortodossa è di una rara bellezza che lascia esterrefatti coloro che vi partecipano, una bellezza che è espressione della bellezza della santa Fede Ortodossa.
Oltre ai santi Misteri il cristiano ortodosso ha altre due armi: la preghiera e il digiuno, essi sono inscindibili, senza il digiuno la nostra preghiera non è accetta a Dio e senza la preghiera i nostri digiuni sono vani. Solo nella Chiesa Ortodossa ho trovato che le tre armi spirituali: Misteri (Sacramenti), preghiera e digiuno hanno la loro degna importanza e il posto giusto nella vita della Chiesa tutta e del singolo cristiano in particolare.
Tante cose potrei ancora scrivere sulla Chiesa Ortodossa alla quale senza mio merito ma solo per la misericordia di Dio mi glorio di appartenere, credo fermamente che essa sia la Vera Chiesa fondata da Nostro Signore Gesù Cristo, credo fermamente che solo in essa si possa trovare la pienezza della Verità rivelata, credo fermamente che solo in essa si possano trovare le armi spirituali: Misteri, preghiera e digiuno che ci aiutano a vivere da veri cristiani e a trovare la volontà di Dio su di noi. Per poterlo sperimentare bisogna mettersi con animo di ricerca e varcare la soglia di una chiesa e mettersi in ascolto di Dio che ci ama, ci parla, ci cerca e vuole condurci alla salvezza.
Gloria a Dio per tutto!

venerdì 21 luglio 2017


E' bello Signore stare accanto a te, nella tua casa, in silenzio e meditare le tue parole.
Ecco ho trovato nel mio girovagare un posto bellissimo, dove tu mi aspetti per darmi la tua santa benedizione.
E' un luogo fantastico, in Calabria, un tempo terra e fucina di uomini santi che tanta spiritualità hanno lasciato per l'aria.
Tutto questo ora si sta concretizzando in questa Chiesa, in cui tu sei presente e mi affianchi ogni volta che entro per incontrarti e implorare la tua misericordia.
Ti ho incontrato alle falde del monte Pollino in una cittadina che si chiama "Castrovillari" dove un tempo la "Retta Fede" era di casa e dove svetta una immagine della tua Beata Genitrice.
Ti ho incontrato perchè una tua casa è stata innalzata, dove regna la "Retta Fede" e questa appartiene alla giurisdizione ecclesiatica del Patriarcato di Mosca.
Ti ho visitato ed ho affermato: "Questa sarà d'ora in poi anche la mia casa" e so che tu mi aspetti come un padre aspetta il figlio il quale pur accasciato dai tanti peccati viene da te sollevato ed invitato ad entrare perchè dentro si fa festa e io sono l'invitato principale.

mercoledì 19 luglio 2017

Invito alla Liturgia

Воскресение 23 июля будет служиться Божественная Литургия в Храме Иоанна Кронштадского МП палаццо Галло, пьяцца Викторио Эммануеле II города Кастровиллари. Неделя 7-я по Пятидесятнице. Глас 6. Положение Господа нашего Иисуса Христа в Москве (1625). Мучеников 45-ти в Никополе Армейском..
Всех жду на служение Божественной Литургии Благословение на всех вас!

 Domenica, 23 luglio 2017, dopo la parentesi Liturgica ad Altomonte, si ritorna a celebrare presso la Chiesa Parrocchiale "San Giovanni di Kronstadt" - Palazzo Gallo / Piazza Vittorio Em. II a Castrovillari.La Chiesa ortodossa, del vecchio calendario, fa memoria dei 45 santi martiri di Nicopoli in Armenia. 
Il tono è il VI.
Come sempre io ci sarò e vi aspetterò a porte spalancate per celebrare, insieme a voi, i divini misteri dellaLiturgia !!!

mercoledì 12 luglio 2017

Care Fedeli e Cari Fedeli, della Santa Chiesa Ortodossa di Altomonte e dei paesi vicini, Vi comunico che domenica 16 luglio 2017, la Divina Liturgia sara celebrata con inizio alle ore 10.00 presso la Chiesa Ortodossa "San Arsenio di Cappadocia" in Via Balbia n. 7 ad Altomonte.
Prima lo spirito e poi il corpo........ Cosa varrà se cerchiamo di abellire il corpo, dimenticandoci che l'unico a salvarsi, dopo la morte, è il nostro spirito il quale verrà conteso tra gli angeli ed i demoni. Ma se noi nella nostra vita abbiamo fatto più opere buone, non dobbiamo temere nulla perchè i santi angeli ci porteranno con loro nel Regno del Signore !!!!
Io vi aspetterò..........

martedì 11 luglio 2017

http://www.ortodossiatorino.net Era il 1999, era la prima volta che mi recavo in Grecia, con mio figlio Giuseppe eravamo ospiti da Suor Irene, presso il Monastero "Pamakaristos" di Kifisià. Percorrevamo la strada per andare a Nea Makri e lungo il tragitto queste cappellette erano disseminate lungo la via. Ho chiesto a Suor Irene cosa fossero, essendo la prima volta che le vedevo e lei con profonda umiltà mi ha spiegato del perchè si trovassero li.

La spettrale solitudine dei santuari stradali della Grecia
 
di Kelly Gonsalves
The Week, 26 giugno 2017
foto di Petros Giannakouris

 
Sobrie cappelline delle dimensioni di scatole da scarpe punteggiano i tornanti e le svolte più ripide della campagna
Le strade tortuose e montuose della Grecia rurale sono punteggiate da piccole strutture delle dimensioni di scatole. Talvolta elaborati, talvolta semplici, questi edifici sormontati da croci sono ricordi spettrali di vite perdute troppo presto.

La Grecia ha il sesto più alto tasso di mortalità sulle strade nell'Unione Europea. Nel 2016, 804 persone sono morte in incidenti automobilistici, e più di 13.000 sono state ferite, secondo The Associated Press.
La geografia greca ne ha una colpa parziale. Le montagne coprono circa l'80 per cento della terraferma ellenica e le sue infrastrutture sono di conseguenza scoraggianti: le autostrade serpeggiano e circondano terreni ripidi, spesso senza traverse di protezione, e nelle zone più rurali del paese, stretti tratti di strade a corsia singola incoraggiano spesso un comportamento rischioso negli attraversamenti.
Dopo la sepoltura, alcune famiglie greche possono anche erigere un santuario nel sito dell'incidente per commemorare i loro cari defunti.
"Un cimitero è visto come il luogo in cui il defunto vive dopo la morte, ma anche il luogo della morte è un punto di riferimento metafisico", ha detto un esperto di folklore all'Associated Press. "Il santuario serve per ricordare".


I santuari - chiamati kandilakia - possono essere realizzati in legno, pietra, metallo, calcestruzzo o addirittura marmo. Alcuni presentano sculture dettagliate o imitano apposta alcune famose chiese ortodosse. Dietro una porta di vetro o attraverso un'elegante apertura intagliata, spesso c'è una candela accesa o una lampada ad olio che brucia tra fotografie sbiadite dei defunti, immagini di santi e altri oggetti religiosi.
Molti di questi memoriali sono mantenuti con fedeltà - anche tra le scogliere più remote della penisola del Peloponneso, ogni notte sono illuminate di luci. Ma anche i santuari logori o arrugginiti portano con loro un potente e accattivante messaggio ai conducenti: rallentate, siate cauti e ricordate quanto può essere fugace la vita.
Qui sotto, diamo uno sguardo ad alcuni dei santuari spettrali della Grecia.

mercoledì 5 luglio 2017

Domenica prossima, 9 luglio 2017, la Chiesa Ortodossa del Patriarcato di Mosca fa memoria della Madre di Dio di Tikvinskoj e del santo padre Davide di Tessalonica.
Il tono è il quarto (IV).
La Divina Liturgia sarà celebrata presso la Chiesa Parrocchiale Ortodossa "San Giovanni di Kronstadt" - Palazzo Gallo / Piazza Viottorio Em. II a Castrovillari
con inizio alle ore 9,30 circa.
Il Signore sia con tutti voi e vi benedica.

Tropari:

Светлую воскресения проповедь от Ангела уведевша Господни ученицы и прадеднее осуждение отвергша, апостолом хвалящася глаголаху: испровержеся смерть, воскресе Христос Бог, даруяй мирови велию милость.
 

Днесь, яко солнце пресветлое,/ возсия нам на воздусе всечестная икона Твоя, Владычице,/ лучами милости мир просвещающи,/ юже великая Россия,/ яко некий дар Божественный свыше благоговейне восприемши,/ прославляет Тя, Богомати, всех Владычицу,/ и от Тебе рождшагося Христа Бога нашего величает радостно./ Емуже молися, о Госпоже Царице Богородице,/ да сохранит вся грады и страны христианския/ невредимы от всех навет вражиих/ и спасет верою покланяющихся Его Божественному/ и Твоему пречистому образу,// Дево Неискусобрачная.

В тебе, отче, известно спасеся, еже по образу,/ приим бо крест, последовал еси Христу/ и дея учил еси презирати убо плоть, преходит бо,/ прилежати же о души, вещи безсмертней.// Темже и со Ангелы срадуется, преподобне Давиде, дух твой.

 Слава Отцу, и Сыну, и Святому Духу.

Православныя веры поборниче, земли Российския печальниче, пастырем правило и образе верным, покаяния и жизни во Христе проповедниче, Божественных Таин благоговейный служителю и дерзновенный о людех молитвенниче, отче праведный Иоанне, целителю и предивный чудотворче, граду Кронштадту похвало и Церкве нашея украшение, моли Всеблагаго Бога умирити мир и спасти души наша.

И ныне и присно и во веки веков. Аминь.

Предстательство христиан непостыдное, ходатайство ко Творцу непреложное, не презри грешных молений гласы, но предвари, яко Благая, на помощь нас, верно зовущих Ти; ускори на молитву и потщися на умоление, предстательствующи присно, Богородице, чтущих Тя.



giovedì 29 giugno 2017

Oggi la Chiesa ortodossa del nuovo calendario fa memoria degli Apostoli PIETRO e PAOLO...
A tutte le fedeli, a tutti i fedeli che portano questi due altisonanti nomi ;
La multi ani !!!
Mnogaia leta !!!
Per molti anni !!!
Pir shum vjet !!!
Xronia Pollà !!!!

martedì 27 giugno 2017

I miliardi per mantenere i finti profughi il governo li trova, i miliardi per salvare l'Alitalia il governo li ha trovati, i miliardi per salvare le banche e coloro che hanno sperperato denaro dei cittadini il governo li ha trovati e continua a trovarli......i pochi miliardi per mandare in pensione chi ha superato la famosa quota 101 e dare la possibilità ai giovani di poter entrare nel mondo del lavoro, quelli il "loro governo, non eletto dal popolo, non li troverà M A I " !!!!! Siamo in dittatura, ma sembra che le ultime elezioni amministrative abbiamo dato segni di civiltà contro chi si è alleato con i poteri forti alla faccia del popolo italiano. Speriamo che i cittadini italiani si siano svegliati dal loro letargo e speriamo non si facciano più ammaliare dalle SIRENE Renziane e Pidiote.

martedì 20 giugno 2017

Воскресение 25 июня неделя 3-я по Пятидесятнице, Глас 2-ой. Православная Церковь (юлианский календарь) чтит память Преподобного Онуфрия Великого (IV) и Преподобного Петра Афонского (734). Служение Божественной Литургии состоится в Православном Приходе в честь Святого Иоанна Кронштадского в городе Кастровиллари, площадь Викторио Эммануеля II, Палаццо Галло в 9.30. Для желающих исповедаться прошу придти в храм на пол часа раньше до начала Литургии. Понимаю, что после закрытия школ дети хотят отдыхать на море, но напоминаю вам родители, что не только тело нуждается в подкрепление и силе, но так же и душа! Господь наш наилучший Врач и было бы хорошо приводить детей в Церковь к Врачу нашему Господу для приобщения целительного лекарства Святых Тела и Крови Спасителя для отдаления нечистых сил и болезней телесных и духовных. Каждый из вас имеет свободу выбора и сам знает как лучше поступать! Как всегда ваш батюшка ждет вас всех для служения Божественной Литургии... Благословение Господне на всех вас! Аминь

mercoledì 14 giugno 2017

Comunico a tutte le Fedeli e a tutti i Fedeli della Santa Ortodossia che abitano ad Altomonte e nei paesi vicini, che domenica 18 giugno 2017, presso la Chiesa Parrocchiale, San Arsenio di Cappadocia del Patriarcato di Mosca, in Via Balbia, 7 celebreremo la Divina Liturgia con inizio alle ore 10.00.
Il Signore sia con tutti voi, vi benedica e vi protegga.


martedì 16 maggio 2017

Iniziamo già da oggi, martedì 16 maggio 2017, a comunicare a tutte le fedeli ed a tutti i fedeli ortodossi che gravitano ad Altomonte e nei parsi vicini, che domenica 21 maggio 2017, del cieco nato, la Divina Liturgia verrà celebrata presso la Chiesa Ortodossa, "San Arsenio di Cappadocia", del Patriarcato di Mosca, via Balbia, 7 ad Altomonte.
Prego i fedeli che ricevono questa comunicazione di CONDIVIDERE, affinchè molti altri fratelli ortodossi di quelle zone, siano al corrente della celebrazione della Liturgia.

Il Signore sia con voi, vi protegga e vi benedica !!!!





venerdì 12 maggio 2017

AVVISO AI FEDELI

Si comunica  tutte le fedeli ed a tutti i fedeli ortodossi che domenica 14 maggio 2017, presso la nostra Chiesa Parrocchiale Ortodossa "San Giovanni di Kronstadt" del Patriarcato di Mosca a Castrovillari, Palazzo Gallo / Piazza Vittorio Em. II, celebreremo la Divina Liturgia con inizio alle ore 9,30 circa. 
La domenica è dedicata alla donna Samaritana di cui il Signore racconta la sua vita.






Invece domenica 21 maggio 2017, la Divina Liturgia la celebreremo presso la Chiesa Ortodossa "San Arsenio di Cappadocia" in via Balbia, 7 ad Altomonte con inizio alle ore 10.00




Dal sito del carissimo padre confratello di Torino Ambrogio !!!!

Patriarca Kirill: la venerazione di santa Matrona da parte della gente è la migliore risposta agli scettici


  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 
 Pravoslavie.ru, 3 maggio 2017


La vita della Chiesa ortodossa "non si è mai fermata" in tutta la storia, come dimostra in particolare l'esempio di santa Matrona di Mosca e la sua venerazione tra la gente, ha dichiarato il patriarca di Mosca Kirill dopo aver festeggiato la Divina Liturgia al monastero della santa Protezione dove sono conservate le reliquie di santa Matrona, nel 65° anniversario della morte di questa santa russa assai venerata, secondo quanto riporta RIA-Novosti.
"Con l'esempio di santa Matrona, possiamo percepire... perché la vita della Chiesa non è mai stata spezzata nella storia, non importa quanto sia stata diffamata, non importa quanto sia stata espulsa, non importa quanto abbiano rappresentato tutto ciò che fa la Chiesa come qualche forma di superstizione e come risultato d'ignoranza e di scarsa consapevolezza delle questioni scientifiche", ha detto sua Santità.
Questi argomenti, ha aggiunto, sono "costantemente gettati contro la Chiesa", "E allora? Chiedete a quelli che stanno in questa lunga fila per venerare santa Matrona: "Queste parole significano qualcosa per voi?" No, perché la loro fede non è basata sulle parole, ma su una vera esperienza della presenza di Dio e dei miracoli di Dio, che il potere dello Spirito Santo, attraverso persone sia morte sia vive, riversa sull'umanità", ha dichiarato il primate.
Sua Santità ha anche commentato l'immensa popolarità di santa Matrona, riferisce Interfax-Religion.
"A chi tra i grandi, i potenti e i gloriosi fanno visita così tante persone ogni giorno, così come vanno a trovare l'anziana cieca Matrona, che era stata a letto per tutta la sua vita? Non esiste nel mondo un sovrano che riceva un tale pellegrinaggio quotidiano di migliaia di persone; Nessuno sta in piedi tutta la notte per avere il privilegio di toccare le loro tombe!"
Non esiste una vera connessione con gli eroi mondani, continua il patriarca, "ma una vera connessione è preservata con i santi; i santi sono presenti nella nostra vita".
Secondo la badessa di Monastero di Pokrov, l'igumena Feofania (Miskina), tra mille e cinque mila persone provenienti da tutta la Russia e da tutto il mondo visitano ogni giorno il convento per stare in piedi a volte per ore per poter venerare le reliquie dell'amata santa Matrona.

martedì 2 maggio 2017

Dal sito del confratello di Torino Padre Ambrogio !!!

Tre cavalli di Troia: tentativi 
dall'interno di disorientare gli ortodossi
 
Di padre Alexander F. C. Webster
Monomakhos
18 aprile 2017 


L'ottenebrato Concilio pan-ortodosso a Creta nel giugno del 2016 ha ricordato ai cristiani ortodossi che la roccia della fede e della pratica ortodossa si sta spaccando da decenni. Le fenditure sono particolarmente evidenti tra i cristiani ortodossi (circa un milione) negli Stati Uniti.
Ciò che non è convenzionale nel tono del conflitto è l'aggressiva retorica ad hominem dell'avant-garde verso coloro che insistono sulla fedeltà irreprensibile alla Tradizione ortodossa. In una comunità ben nota per il suo approccio conservatore alla dottrina religiosa, alla morale e ai riti liturgici, gli innovatori dovrebbero normalmente mantenere un profilo basso, evitando attenzioni indesiderata e accuse di "eresia", mentre cercano gradualmente di "cambiare". Per ironia della sorte, sono gli ortodossi tradizionalisti a essere sotto assalto e a doversi difendere in America e in alcune Chiese autocefale ("self-headed") in tutto il mondo.
La "sinistra" ortodossa sta conducendo la propria offensiva su tre fronti. Dato che in grande maggioranza i fedeli ortodossi in questo paese non sono a conoscenza di tali macchinazioni da parte delle piccole ma determinate élite intellettuali – chierici e laici – impegnati in questa guerra spirituale, prendo a prestito l'uso della metafora omerica del "cavallo di Troia" da parte di Rod Dreher, come metafora adatta per la tattica primaria di tali élite. [1] Di fatto, intendo triplicare questa metafora. Come il celebre artificio tattico degli antichi greci, i cavalli di Troia ortodossi contemporanei sembrano dei doni, ma sono invece pieni di guerrieri teologici clandestini pronti a saccheggiare la Chiesa.
Lo smantellamento dei "miserabili" ortodossi
Il primo cavallo di Troia è la crescente tendenza dei progressisti ortodossi a imitare l'infame accusa del "branco di miserabili" fatta da Hilary Clinton il 9 settembre 2016 contro la metà dei sostenitori del suo avversario. In questo caso gli epiteti nascono dall'inimicizia teologia invece che da quella politica.
Alcuni di questi neologismi sembrano un po' forzati. Per esempio, Aristotele Papanikolaou, professore di teologia e cultura ortodossa e co-direttore del Centro di studi cristiani ortodossi (OCSC) dell'Università di Fordham, ha rispolverato un'antica eresia cristologica. Egli percepisce ciò che chiama "nestorianesimo politico" – definito come "una politica di dualismo, una politica di noi contro di loro, una politica di demonizzazione" – tra i cristiani americani, compresi gli ortodossi, che non riescono a vedere determinate questioni politiche se non guidate da un piano umanistico senza Dio, politicamente liberale". [2] Questo è un eccesso retorico rivolto a colleghi cristiani che, diciamo, sono più tradizionalisti di lui.
L'insulto preferito nella sinistra ortodossa sembra essere "fondamentalista". Non importa la provenienza evangelica protestante di questo termine, datata 1922, quando Curtis Lee Laws prese spunto dalla pubblicazione dei trattati dei fondamenti nel decennio precedente. Non importa che il termine abbia avuto inizio come un marchio di onore. Non importa la strana applicazione errata fin dagli anni '80 a grandi fasce dell'islam e a elementi reazionari in altre comunità religiose. La sinistra ortodossa semplicemente echeggia l'iperbole anti-evangelica delle principali denominazioni protestanti liberali nel Consiglio Nazionale delle Chiese e nel Consiglio Mondiale delle Chiese, con cui hanno condiviso tarallucci e vino per tanti anni.
Un dignitario ecclesiastico di non minor rango dell'arcivescovo Crisostomo di Cipro (primate di un'antica Chiesa ortodossa autocefala) ha sparato un colpo di fucile indiscriminato il primo giorno del recente Concilio pan-ortodosso contro non specificati "gruppi" antiecumenici, che ha incolpato per l'assenza di quattro intere Chiese al Concilio: "I gruppi fondamentalisti e fanatici, tra i quali vi sono teologi e vescovi, che in misura maggiore o minore oggi sono attivi in ​​tutto il mondo ortodosso, costituiscono una grave ragione per cui sul Santo e Grande Concilio incombe una vera minaccia non solo di rimandarlo, ma anche di annullarlo". L'arcivescovo ha identificato gli obiettivi della sua ira semplicemente in coloro che si oppongono a "qualsiasi idea di avvicinarsi ad altri cristiani". [3]
Intanto, negli Stati Uniti, un crescente gruppo di studiosi ortodossi, in gran parte teologi laici, con un crescente abbandono, ha caratterizzato molti dei propri confratelli come "fondamentalisti" – forse nessuno è stato più ripetitivo e duro di George Demacopoulos, professore di studi cristiani ortodossi e co-direttore dell'OCSC presso la Fordham University. In un post del blog nel gennaio del 2015 su un sito ufficiale dell'Arcidiocesi ortodossa greca d'America, Demacopoulos ha descritto i suoi innominati avversari teologici, in una pesante serie di diffamazioni ad hominem, come "estremisti" e "opportunisti radicali" che presentano un "pericolo insidioso" motivato da una "promozione di sé". Demacopoulos afferma che il loro "errore teologico chiave" è "il presupposto che i Padri della Chiesa abbiano concordato su tutte le questioni teologiche ed etiche", una rivendicazione assolutamente assurda per chiunque abbia studiato la ricca varietà di testi patristici esistenti. Altre pericolose tendenze che Demacopoulos percepisce, falsamente, comprendono un'insolita preoccupazione "che i padri fossero anti-intellettuali"; "la fedele adesione a un insieme fossilizzato di proposizioni", un semplice "sottoinsieme di assiomi teologici" derivati ​​da una "lettura riduzionista dei Padri della Chiesa" e usati come "un'arma politica"; e un'inevitabile "idolatria" al posto di un "impegno sincero e spirituale a cercare Dio e a condividerlo con il mondo". La frase di Demacopoulos, "impegno sincero e spirituale", è, al contrario, una strana distorsione esistenzialista postmoderna dei Padri della Chiesa. Il termine "fumettistico" non basta nemmeno per iniziare a catturare un tale tipo di diatriba bizzarra ed emotiva. [4]
Ma che cosa c'è veramente dietro tutta questa retorica surriscaldata? Un indizio è apparso in una breve valutazione post-conciliare nel settembre del 2016 nella rivista protestante mainline The Christian Century di Peter C. Bouteneff, professore di teologia sistematica presso il Seminario teologico ortodosso St. Vladimir a New York. Questi ha fatto riferimento alla Chiesa ortodossa come "in ritardo sulla sua capacità di rispondere alle moderne realtà demografiche e alla modernità in generale". [5]
Accettazione della "secolarizzazione"
Quello slogan di moderni contro antichi sta anche alla base del secondo cavallo di Troia: una completa accettazione della "secolarizzazione", mentre si rifiuta in modo eclatante il "secolarismo".
In un saggio "sponsorizzato" dalla Società teologica ortodossa d'America (OTSA) e pubblicato nel maggio 2016 con lo scopo dichiarato di influenzare il Concilio pan-ortodosso a Creta del mese successivo, sei studiosi ortodossi, tra cui Aristotele Papanikolaou della Fordham, hanno proclamato le virtù della secolarizzazione:
Gli spazi politici secolari non sono definiti da un alto muro tra religione e politica, ma un ordine pubblico e giuridico differenziato che massimizza il pluralismo. Nelle società secolari la differenziazione delle sfere (politiche, giuridiche, economiche, religiose, ecc.) è diventata uno strumento essenziale per la limitazione del potere statale e la protezione della libertà umana. Così, anche se è giusto respingere il secolarismo o laicismo come ideologia antireligiosa, la Chiesa dovrebbe approvare in modo distinto la secolarizzazione, per assicurare che la sua vita non sia limitata a certi precari spazi politici, ma resa disponibile a tutte le persone. La secolarizzazione libera la Chiesa dal confinamento politico, consentendo al Vangelo di essere scelto liberamente come modo di vivere. [6]
C'è qualche merito in questa distinzione. Non tutti i tentativi di secolarizzazione vanno di pari passo con "un'ideologia anti-religiosa" – almeno non ancora. Ma la connessione è inconfondibilmente evidente in ogni paese che è caduto sotto al comunismo, a partire dalla Russia ortodossa nel 1917 e che continua ancora oggi sotto i regimi atei in Corea del Nord e a Cuba. Né la secolarizzazione dell'Europa occidentale e degli Stati Uniti è immune a quella che sembra essere una inesorabile degenerazione nei divieti dell'attività religiosa "pubblica" che possono tuttavia portare a una persecuzione piena. Il tentativo del gruppo della OTSA di cercare una sfumatura intellettuale può essere più ingenuo e donchisciottesco che saggio e realistico.
Un argomento più sottile e espansivo a favore della secolarizzazione appare nel libro di Aristotele Papanikolaou del 2014, The Mystical as Political: Democracy and Non-Radical Orthodoxy. Il suo progetto cerca di colmare il divario tra regni secolari e sacri, esaltando i primi a scapito degli ultimi. Un presupposto teologico fondamentale è questo: "Non credo sia necessario che il referente trascendente sia il divino: può assumere la forma di un bene comune". In una versione precedente di tale argomento nel 2003 sotto il titolo "Byzantium, Orthodoxy, and Democracy", Papanikolaou procede a circoscrivere le più essenziali tra le finalità divine della Chiesa:
In relazione a una forma democratica del bene comune, la Chiesa deve accettare i propri limiti e riconoscere che l'obiettivo non è la formazione di una comunità eucaristica per persuasione ma piuttosto la costruzione di una comunità in cui la diversità e il multiculturalismo siano affermati e protetti e in cui il riconoscimento di tale diversità e multiculturalismo deve essere applicato con la forza, se non è accettato volontariamente. [7]
Nel 2014, Papanikolaou aveva sostituito il termine "multicuralismo" con "differenza culturale".
Ma quel mite cambiamento non aveva pacificato Vigen Guroian, professore emerito di studi armeni presso l'Università della Virginia. In una recensione devastante di The Mystical as Political in First Things, Guroian ha rivelato il cavallo di Troia nell'argomento di Papanikolaou:
Al posto di questa visione ecclesiale della trasformazione, ci viene servito lo sproloquio della diversità e della correttezza politica... Applicato con la forza? Questo non implica che lo Stato liberale ha la responsabilità e il diritto di operare una coercizione sulla Chiesa quando la Chiesa non afferma la "diversità e differenza culturale"? Sicuramente, Papanikolaou sa che questi termini sono propri della sinistra progressista che insiste sul matrimonio omosessuale, tra le altre cose che l'Ortodossia si rifiuta di "riconoscere". [8]
In "The Secular Pilgrimage of Orthodoxy in America", un documento successivo dato alla conferenza annuale dell'OTSA il 23 giugno 2016, Guroian si chiede perché il pluralismo religioso che definisce l'America nel ventunesimo secolo "è interpretato come la norma della vita religiosa, proprio come una separazione tra chiesa e stato è interpretata come un mandato divino, quasi come un undicesimo comandamento divino". Perché le Chiese ortodosse dovrebbero abbracciare una secolarizzazione più aggressiva che li riporterebbe nei loro precedenti ghetti religiosi ed etnici separati in qualche modo dal bene comune?
La via alla secolarizzazione dovrebbe essere per i cristiani ortodossi – anzi, per tutti i cristiani tradizionali – come nella memorabile poesia di Robert Frost, "quella meno battuta".
Potpourri sessuale
Il terzo cavallo di Troia può essere spiritualmente il più pericoloso di tutti.
Lo Zeitgeist emergente di disordine sessuale, confusione e libertinismo che è apparso per la prima volta in America negli anni '60 è diventato l'ideologia etica sociale dominante. Chi avrebbe potuto immaginare che un qualsiasi chierico o teologo ortodosso si sarebbe iscritto a un simile movimento? Purtroppo, i ranghi crescono, a quanto pare, ogni anno che passa.
Preminenti chierici e teologi ortodossi hanno sostenuto diverse cause avant-garde di provenienza non ortodossa, che vanno dalle donne chierici (in primo luogo, la "restaurazione" dell'ordine obsoleto della "diaconessa" e, per alcuni, anche l'innovazione radicale dei "preti" donne) a una svendita degli antichi divieti contro l'aborto all'ultima tendenza,il "transgenderismo". Ma l'antenata di tutti è un'ossessione crescente per tutto ciò che ha a che fare con il mondo LGBT. In merito a quest'ultimo, sorprendentemente, le élite di sinistra non sono finora molto più avanti della maggioranza dei fedeli di chiesa regolari. Il Religious Landscape Study del 2016 del Pew Research Center ha reso noto che il 64 per cento degli americani ortodossi intervistati nel 2014 pensava che l'omosessualità "dovrebbe essere accettata", mentre solo il 31 per cento pensava che "dovrebbe essere scoraggiata". Analogamente, il 54 per cento era favorevole in misura più o meno ampia ai "matrimoni dello stesso sesso", mentre solo il 41 per cento era più o meno opposto. Le percentuali riguardo ai "matrimoni dello stesso sesso" erano pari a quelle dei protestanti e dei cattolici mainline, ma erano invertite rispetto a quelle dei protestanti evangelici e dei mormoni. [9]
Tuttavia, tre studiosi ortodossi (due dei quali sono sacerdoti ordinati) costituiscono un'avanguardia di élite che spinge con forza per questo movimento profondamente inquietante.
In primo luogo, Aristotele Papanikolaou della Fordham ha recentemente reso pubblici i suoi sentimenti nel suo editoriale aperto post-elettorale intitolato "Essere cristiani durante una presidenza di Trump": "Se i cristiani non pretendono profeticamente da Trump che questi rinneghi pubblicamente il sostegno alla supremazia bianca, allora i cristiani sono complici dell'espansione e del potenziamento del razzismo, dell'antisemitismo e dell'omofobia". [10] Colpito, in particolare, dall'ultimo termine di quella litania clintonesca di miserabili, ho chiesto a Papanikolaou in una conversazione telefonica per specificare che cosa ritenesse essere una paura irragionevole degli omosessuali (questo è ciò che significa letteralmente il termine politicamente corretto "omofobia") tra i cristiani ortodossi. Ha risposto che la violenza, ovviamente, sarebbe disdicevole, e su questo siamo d'accordo. Ma ha detto che dovrebbe anche essere vietata una "discriminazione" nell'assunzione di omosessuali attivi, come un'offesa contro la decenza e l'umanità comune – anche nelle parrocchie ortodosse e nelle scuole parrocchiali!
In secondo luogo, un rispettato arciprete anziano della Chiesa Ortodossa in America (OCA), padre Alexis Vinogradov di Wappingers Falls, New York, ha lanciato una sfida su questo tema nel luglio 2011. Su un blog ortodosso ormai defunto, ha scritto un articolo intitolato "Nuovi inizi in comunità: le questioni del gender e la Chiesa". [11] Sperava "di avviare una conversazione... perché tra le chiese ortodosse, per lo meno, non abbiamo ancora una piattaforma comune per un discorso rispettoso sulle complesse questioni sociali del nostro tempo".
Ma il "discorso rispettoso" è rapidamente evaporato quando ha cominciato a scagliarsi contro il "crescente fascino e fiducia per risposte semplicistiche e formali" tra molti dei suoi confratelli ortodossi. "Una tale religiosità non può," ha proseguito, "tollerare ambiguità, perché attribuisce la moderna crisi morale e spirituale interamente al disprezzo per assoluti e certezze... Quindi, ci viene detto che il dibattito sulla sessualità deve smettere, perché la norma indiscussa è la scelta del matrimonio eterosessuale o della vita celibataria nella società o nel monachesimo". I cristiani tradizionali attenti potrebbero già individuare il cavallo di Troia che padre Alexis stava cavalcando, mentre iniziava sottilmente a pare un appello per una nuova, terza "norma".
Padre Alexis si è spiegato in modo tale da rimuovere tutti i dubbi relativi alla sua visione:
Le persone omosessuali non hanno deciso di diventare omosessuali. Questo non è stato il frutto della loro presunta depravazione o peccato. Questo è ciò che sappiamo oggi. Ci può essere una conversazione continua solo se possiamo superare quell'ostacolo di sfacciata intransigenza espressa da coloro che rifiutano di riconoscere questo fatto. Ma le persone omosessuali, così come quelle eterosessuali, devono sentire il calore, l'amore e la sollecitudine di altre persone. Dio li ha creati per quell'amore, quell'amore è la sostanza della nostra umanità; è ciò che costituisce tutti noi nel portare la sua immagine dentro di noi. Per ogni membro della razza umana, quando l'amore non giunge apertamente e facilmente, quando i tabù e le paure della comunità li isolano dalla famiglia, è inevitabile che la loro legittima ricerca e necessità appaiano come anomalie a coloro che sono passati in modo sicuro attraverso lo schermo selettivo invisibile. La cultura, la società in generale o la chiesa selettiva li spingerà fino all'estremi.
Tale appello è fin troppo familiare ai protestanti e ai cattolici romani in America, ma è ancora nuovo tra la maggior parte dei fedeli cristiani ortodossi: dobbiamo accettare gli omosessuali che sono nati così, e non allontanarli chiamandoli al pentimento e al celibato – la sola "norma" morale tradizionale oltre al matrimonio "eterosessuale". Più avanti nel suo articolo padre Alexis ha la sfacciataggine di avvisare che è "la nostra inquietudine, il giudizio e auto-assicurazione", non la perversione sessuale, che "può danneggiare" la sposa di Cristo, la Chiesa.
Padre Alexis ci ha offerto un'occhiata sobria del modo in cui lo spirito del mondo ha catturato coloro che vorrebbero prendere su se stessi il compito di tenere lezioni e addirittura di rimproverare noi (scegliete l'aggettivo: semplicisti, spaventati, totalitari, intolleranti, superficiali, intransigenti, egocentrici, sfrenati, chiassosi, spiritualmente deboli – padre Alexis ci ha scagliato contro tutti questi epiteti per definirci come "altri"), ovvero noi ortodossi e gli altri cristiani che rifiutano la noiosa idea che i tempi siano cambiati e che noi dobbiamo cambiare con loro.
In terzo luogo, l'arciprete Robert Arida, pastore di lunga data della cattedrale della santissima Trinità a Boston (OCA), ha svolto il ruolo di Odisseo per questo moderno cavallo di Troia. Nel giugno 2011, poco dopo che New York aveva approvato la legge sulla parità di matrimonio, che legalizzava il matrimonio tra due uomini o due donne, padre Robert ha pubblicato sul suo sito parrocchiale un breve saggio intitolato "Response to Myself". Tenendo conto delle implicazioni della nuova tendenza legale, ha esplorato l'ambigua storia della Chiesa che tollera la schiavitù e ha concluso proponendo un'intrigante ipotesi:
Se la Chiesa dovrà rispondere alla legalizzazione del matrimonio/unione dello stesso sesso, sembra che dovrebbe cominciare a considerare come servire quelle coppie dello stesso sesso, legalmente sposate, che vengono con i loro figli e bussano alle porte delle nostre parrocchie cercando Cristo. Li ignoriamo? Oppure, prima facie, li mandiamo via? Oppure, sotto la rubrica del pentimento, li incoraggiamo a divorziare e a smantellare la loro famiglia? Oppure offriamo loro, così come offriamo a chiunque desideri Cristo, cura pastorale, amore e una casa spirituale? [12]
Anche se questo scenario, prima facie, può sembrare di richiedere sfumature e sensibilità pastorali, l'uso fatto da padre Robert di "oppure" nelle frasi finali tradisce un sottilissimo interrogativo, e forse un rifiuto, di un requisito universale del santo mistero del matrimonio nell'Ortodossia, vale a dire un uomo e una donna. Chiaramente implica che qualsiasi cosa di meno di un abbraccio pieno della "famiglia" della sua ipotesi sarebbe anti-pastorale, intollerante e priva d'amore.
Un altro saggio sul sito della parrocchia di padre Robert tre anni dopo, "Never Changing Gospel; Ever Changing Culture", [13] ha provocato una tempesta quando è stato portato anche sul Wonder blog, una pubblicazione online del Dipartimento dei giovani, giovani adulti e ministeri unicersitari dell'OCA. Padre Robert affermava di "sollevare domande", affinché non trasformiamo il passato in "un tiranno oppressivo". Affermando, nello spirito di Ebrei 13:8, "il immutabile che è Gesù Cristo", padre Robert ha insistito che la Chiesa "deve venire a termini comuni con la cultura postmoderna", cioè dimostrare "un desiderio da parte di tutti i fedeli – vescovi, sacerdoti e laici – di consentire alla mente e al cuore di cambiare e ampliarsi".
Questo, a sua volta, comportava questo ossimoro, che padre Robert ha messo in corsivo e in grassetto per aumentarne l'effetto: "Predicare il Cristo che non cambia ci impone di cambiare sempre" – non solo spiritualmente attraverso la lotta contro le passioni peccaminose, il pentimento personale e la coltivazione delle virtù, ma anche teologicamente, "senza più ignorare o condannare problemi e questioni che si presume possano contraddire o sfidare la sua tradizione vivente". Da una parte, sminuisce "i cristiani ortodossi che abusano del Cristo che non cambia per promuovere un particolare ordine politico e ideologico, o come licenza per assalire verbalmente e fisicamente quelli che percepiscono come immorali". Traduzione: i cristiani tradizionali che fanno i "bulli" con gli omosessuali. D'altra parte, non ha specificato come i cristiani ortodossi dovessero "espandere" le proprie menti e cuori sulle "questioni" elencate.
Ma il metropolita Tikhon (Mollard), primate dell'OCA, è stato in grado di leggere tra le righe. Ha rimosso il saggio di padre Robert dal Wonder blog dell'OCA e ha sostituito la propria risposta. Il vescovo ha offerto una breve chiarificazione dell'insegnamento di lunga data dell'OCA sul matrimonio, sulla famiglia e sulla sessualità umana e ha spiegato perché la discussione di tali profondi temi teologici e morali "avrebbe beneficiato di un'analisi più approfondita di quanto possa essere fornito in un blog". [14]
Tuttavia, l'intervento del metropolita Tikhon è arrivato troppo tardi. I saggi di padre Robert, e l'approvazione ufficiale iniziale di uno di loro, rivelano che questo cavallo di Troia è già all'interno delle porte della Chiesa Ortodossa in America. Presto apparirà in stampa, attraverso gli auspici del cosiddetto forum europeo dei Gruppi cristiani LGBT, un nuovo volume di saggi sotto il titolo "For I Am Wonderfully Made": Texts of Eastern Orthodoxy and LGBT Inclusion. Tra i contributi ci sono quelli degli arcipreti Robert Arida e Alexis Vinogradov, di Mark Stokoe (un laico nell'OCA), del dottor Bryce R. Rich (un teologo laico dell'OCA e autore di un capitolo intitolato "A Queer Personhood: Freedom from Essentialism"), di Maria McDowell (una ex studiosa dell'OCA che ha lasciato la Chiesa ortodossa ed è stata unita in "matrimonio" con una donna da un ministro donna della Chiesa episcopale).
Un compito familiare ma impegnativo ci attende
Ciò che vediamo negli appelli degli studiosi ortodossi qui discussi è una sfida pubblica sottile, erudita, ma insincera ad abbandonare le antiche verità cristiane sotto il maschera di una cosiddetta "conversazione" o "discussione". Questo dovrebbe suonare come un allarme ai profughi dalle principali denominazioni protestanti e dalle parrocchie radicali cattoliche, che hanno sperimentato l'ingenuo abbraccio con i loro cavalli di Troia iniziati negli anni '60. Il modello è inconfondibile: innanzitutto, una chiamata a "trascendere" dogmi stretti, rigidi e arcaici, accoppiata con un invito a una "conversazione" per condividere punti di vista basati principalmente sull'esperienza personale e sulla "nuova" conoscenza, invece di una immersione nella Tradizione; seguita da una chiamata alla reciproca comprensione, alla tolleranza e, infine, alla piena accettazione di diverse moralità. Abbastanza presto, la rana ortodossa nella pentola messa a bollire è completamente cotta e non è più una rana vivente.
Uno degli studiosi sopra citati, che insegna regolarmente in una classe di scuola domenicale per gli studenti delle scuole superiori ortodosse, mi ha detto che non include mai la moralità sessuale nel suo curriculum e trema ogni volta che uno studente gli pone anche solo una domanda su una qualsiasi questione sessuale. Questi studenti di liceo sono così tanto prigionieri dei costumi sessuali contemporanei, che egli è convinto che ogni tentativo di presentare l'insegnamento ortodosso tradizionale potrebbe essere, al massimo, inutile, o di fatto potrebbe spingere tutti i suoi studenti completamente fuori dalla Chiesa. Tale timidezza pedagogica costituisce, a mio avviso, un malcostume ecclesiale, una resa preventiva allo Zeitgeist e una garanzia che tali adolescenti ortodossi escluderanno la testimonianza morale profetica alla società, affinché questa non impedisca la loro sistemazione confortevole nella cultura circostante.
Forse questo saggio risuonerà come un allarme per tutti i vescovi ortodossi in America, così come per chierici e laici, a impegnarsi a contrastare con amore e giustizia coloro che vogliono distorcere la nostra venerabile tradizione morale.
NOTE
[1] http://www.theamericanconservative.com/dreher/the-orthodox-trojan-horse/
[2] https://publicorthodoxy.org/2015/10/12 e https://publicorthodoxy.org/2016/11/11
[3] http://pravoslavie.ru/english/94598.htm
[4] https://blogs.goarch.org/blog/-/blogs/orthodox-fundamentalism
[5] https://www.christiancentury.org/article/2016-09/great-and-holy-council
[6] https://publicorthodoxy.org/2016/04/05
[7] http://www.academia.edu/4292579/Byzantium_Orthodoxy_and_Democracy
[8] https://www.firstthings.com/article/2014/04/godless-theosis
[9] http://www.pewforum.org/religious-landscape-study/religious-tradition/orthodox-christian/
[10] https://publicorthodoxy.org/2016/11/11
[11] http://ocanews.org/news/Vinogradov7.12.11.html
[12] http://holytrinityorthodox.org/articles_and_talks/Response.pdf
[13] http://holytrinityorthodox.org/articles_and_talks/Never%20Changing%20Gospel.pdf
[14] http://wonder.oca.org/2014/11/01/never-changing-gospel-ever-changing-culture
Padre Alexander F. C. Webster, Ph.D., è un cappellano in pensione dell'esercito americano (con il grado di colonnello) e parroco della Chiesa ortodossa russa di sant'Herman d'Alaska (ROCOR) a Stafford, Virginia

venerdì 28 aprile 2017

La Sezione dell'Archivio di Stato di Castrovillari in collaborazione con l'Associazione Culturale "Mistica Calabria" di Castrovillari, comunica alle amiche e agli amici che presso la Sede della Sezione di Archivio di Stato, Via Porta della Catena, 1, è stata allestita una "Mostra Documentaria" dal titolo . Vi invitiamo a visitarla perchè ne vale la pena.