giovedì 2 dicembre 2010

Hanno distrutto con la forza e con l'inganno la nostra identità: ci hanno cambiato in "LATINI".

Nel 1582, agli Arbëreshë veniva imposta dal Papa la Professione di fede tridentina quale riconoscimento della “loro” fede cattolica. “ I Baroni e le chiese, invece di proteggere gli Albanesi, che formavano la loro ricchezza, li hanno piuttosto gravati di tante soverchierie, che fa orrore di sentirle. Le angherie, le preangheria, le indebite prestazioni non potevano (che) avvilire il coraggio dei Coloni, e far languire nella miseria la Nazione (l’Arberia). Dove l’intera giurisdizione sulle Colonie è stata dei Baroni, ivi il dispotismo da una parte, e la depressione dall’altra ha reso squallido tutto il paese. Dove poi la giurisdizione è stata divisa, cioè la civile della Chiesa, la criminale al Barone secolare, ivi la scostumatezza degli abitanti, l’impunità dei delitti, e disordini degli Officiali han tenuto sempre in disordine la popolazione.”
Risposta di Filatete (metà del 1500)

“Gli albanesi, andavano infettando il popolo con le stravanganti opinioni, e nutrivano nell’animo il veleno contro l’autorità del papa…, che avevano del disprezzo per le censure, e indulgenza, che negavano le pene del purgatorio, somministravano l’Eucarestia ai bambini…”
“Romanus Pontifex” (bolla papale di Pio IV – 1564)

Estratto da: http://makj.jimdo.com/

5 commenti:

Anonimo ha detto...

... e LATINI resterete!
Se l'alternativa è MOSCA, meglio per voi restare LATINI.
Se non ti piace, ci sono tante navi per Durazzo e per Valona, prendine una e vai a predicare laggiù il verbo moscovita.
Terùn!

PP.

Anonimo ha detto...

Agli ignoranti, deficienti ed insufficienti in storiografia italo-albanese non conviene rispondere. Noi ai degni emuli del TROTA rispondiamo con un semplice:
"Ecë e mirr ndë bithët".
Tuo Valentino

Anonimo ha detto...

Parlavi di te, vero?
La storia è semplice: siete venuti da là a qua, se la cosa vi sta stretti tornatevene da qua a là.
Ndè a lavurà, terunàss!

PP.

Anonimo ha detto...

Questo signor nessuno che si firma PP., imitatore del Trota, bocciato per diversi anni di seguito agli esami di diploma, indubbiamente deve avere il cervello spappolato e perché no liquefatto, causa la sua permanenza nell’acqua salata. Voglio solo ricordare che i così detti Terrùn, al nord, sono quelli che mantengono alto il livello culturale, demografico, economico e sono quelli che comandano in tutti gli uffici che si rispettano. Si vede che oltre ad essere un ignorantone, va sottolineato che è anche assai orbo, da non riuscire a vedere oltre il suo naso.
In qualche modo deve pur nascondere la sua rabbia per questo stato di cose e lo fa ingiuriando chi da oltre 5 secoli, nonostante le abbia subite in tutte le maniere, vive dignitosamente in Italia.
Anzi ci dica chi si può chiamare ‘vero italiano’? Il nostro è un popolo di sangue misto causa tutte le invasioni che ha subito nel corso dei secoli. Quindi parafrasando Vittorio Sgarbi ti consiglio: “CAPRA TACI !!!!!
Tuo Valentino

Anonimo ha detto...

3 difetti in uno:
calabrese, albanese e quindi terùn!
Parafrasando Sgarbi ti consiglio: "VA' DA' VIA I PE', TERUN DE L'OSTREGA'.

PPP.