martedì 21 maggio 2024

Dal sito del confratello P. Ambrogio di Torino.

La prima chiesa distrutta sotto Zelenskij

di Vasilij Mozhevelnij

Unione dei giornalisti ortodossi, 18 maggio 2024

 

foto: Unione dei giornalisti ortodossi

Nella notte del 17 maggio 2024 le autorità ucraine hanno distrutto la loro prima chiesa.

Sì, prima di questo, un luogo di culto della Chiesa ortodossa ucraina è stato demolito a Leopoli. Ma si trattava di un'iniziativa personale di Sadovij, mentre a Kiev un atto del genere non avrebbe potuto verificarsi senza l'autorizzazione dell'Ufficio della presidenza. Ecco perché un giorno gli storici definiranno la distruzione della chiesa delle Decime come un evento fondamentale nella nostra storia.

Accade spesso nella storia che nemmeno l'evento più significativo diventi simbolo di grandi cambiamenti, e che segni un intero periodo storico. La squadra di Zelenskij ha distrutto la loro prima chiesa. Si può dire quanto si vuole che non si trattava di una struttura non-capitale, che era una piccola forma architettonica, nella terminologia legale. Si può dire che non tutti i numerosi documenti burocratici sono stati completati durante la sua costruzione, che esiste una decisione del tribunale che ne ordina la demolizione, e così via. Ma riflettiamoci: se la costruzione della chiesa era davvero illegale, se la sua demolizione era lecita, se la società (come sostengono le autorità) era contraria a questa chiesa, allora perché la chiesa è stata demolita di notte? Perché la demolizione ha avuto luogoo durante il coprifuoco, quando ai cittadini rispettosi della legge è vietato circolare per le strade? Perché sono stati coinvolti numerosi agenti di polizia armati di tutto punto? Perché sono state chiamate persone in uniforme militare per demolire la chiesa? Perché la comunicazione mobile nell'area della chiesa è stata bloccata? Perché è stato impedito alle persone di filmare ciò che stava accadendo? Perché ai fratelli del monastero non è stato permesso conservare gli oggetti sacri che stavano all'interno della chiesa? Che senso aveva tutto questo se le autorità assicuravano che la demolizione della chiesa era del tutto legale?

Il punto è che le autorità sapevano esattamente cosa stavano facendo, motivo per cui lo hanno fatto di notte. Ecco perché hanno introdotto le forze dell'ordine armate, ed è per questo che l'hanno organizzata come un'operazione militare in piena regola. Le autorità sapevano perfettamente che stavano commettendo un atto illegale, ma lo hanno fatto comunque. Il fatto che la chiesa fosse priva di documentazione adeguata, che la sua costruzione fosse illegale e che la sua demolizione sia stata eseguita per ordine del tribunale non è altro che una foglia di fico progettata per coprire la vergogna delle autorità ucraine.

In primo luogo, a Kiev ci sono centinaia, se non migliaia, di edifici costruiti illegalmente. E questi non sono solo punti commerciali vicino alle linee della metropolitana o nella zona protetta del Dnepr. Interi complessi residenziali sono stati costruiti illegalmente. Una ricerca su Google per "costruzioni illegali a Kiev" ha rivelato, per esempio, che nel solo distretto di Holosiivskyi sono stati costruiti illegalmente: il complesso residenziale "Tikhoretskij" in via Tikhoretska 30/7, il complesso residenziale "Panoramne Mistechko" in via Raketna 24, il complesso residenziale in viale Motornij 9-9A, il complesso residenziale in via Vasilkivska 34, il complesso residenziale "Teremok" in via Williams 2-D, il complesso residenziale "G-House" in via Hvardiiska 74, il complesso residenziale "Simfonija" in viale Nauki 66-70, il complesso residenziale "Mozaika" al 53 dell'autostrada Strategichne, il complesso residenziale "Mrija" in viale Nauki 42-A. E qui si parla solo di un quartiere della capitale! Qualcuno ha intenzione di demolirli?

In secondo luogo, la chiesa distrutta delle Decime è stata costruita nel 2006. Ciò significa che è rimasta in piedi per quasi 20 anni, sopravvivendo a tre presidenti, con il quarto che ha deciso di demolirla. Ciò non vuol dire che durante questo periodo non ci siano state discussioni sull'opportunità di costruire questa chiesa e di ottenere per essa tutti i permessi necessari. Eppure nessuno l'ha demolita. E ora, quando il paese è in guerra, quando il consolidamento della società è una condizione necessaria per la vittoria in questa guerra, le autorità demoliscono una chiesa, semplicemente dividendo a metà il popolo ucraino.

In terzo luogo, quando i bolscevichi demolivano le chiese, lo facevano anche loro legalmente. Inoltre avevano tutto adeguatamente documentato nel pieno rispetto della legislazione dell'epoca. E non furono demolite legalmente solo le chiese. Anche l'esportazione di grano dall'Ucraina nel 1932-33 avvenne legalmente. Eppure ora in Ucraina le autorità sovietiche sono state maledette, le strade hanno cambiato nome, gli scrittori sono stati banditi e la gente pensa che questo elimini lo spirito bolscevico dalla coscienza nazionale ucraina.

No, il bolscevismo è qualcosa di completamente diverso. Il bolscevismo è quando l'opportunità politica prevale sui diritti umani, quando coloro che denunciano l'illegalità vengono imprigionati invece di coloro che si impadroniscono delle proprietà altrui, quando il governo non si cura del suo popolo, instaura un regime autocratico, costringe la popolazione a sacrificare tutto e sottrae indebitamente miliardi al budget statale. E questo bolscevismo, come vediamo, si è profondamente infiltrato nella carne e nel sangue dei nostri attuali governanti. Non può essere sradicato semplicemente rinominando le strade.

Chiudiamo gli occhi e rispondiamo ad alcune domande. In quale paese si imprigionano i vescovi perché predicano? In quale paese si incarcerano i giornalisti perché dicono la verità? In quale paese vengono chiusi i monasteri e espulsi i monaci? In quale paese le autorità distruggono le chiese cristiane? In quale paese le autorità sostengono una chiesa da loro creata e reprimono chiunque non sia d'accordo con essa? Se teniamo gli occhi chiusi potremmo dire che tutto questo è avvenuto in URSS, e avremmo ragione. Ma quando apriamo gli occhi, vediamo che oggi in Ucraina il metropolita Arsenij di Svjatogorsk è stato arrestato per aver tenuto un sermone, e i giornalisti V. Stupnitskij, A. Ovcharenko e V. Bobechko sono stato incarcerati per aver detto la verità. Le autorità hanno chiuso la Lavra delle grotte di Kiev e stanno espellendo i monaci. La chiesa delle Decime è stata distrutta. Mentre la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" creata dalle autorità è dichiarata attributo statale, contrario alla Costituzione, e ogni critica nei suoi confronti è ora considerata tradimento. Quindi, in quale paese viviamo: in un'Ucraina democratica, legale e libera o in un'URSS totalitaria?

Tutte le circostanze relative alla demolizione della chiesa delle Decime indicano che le autorità sapevano esattamente cosa stavano facendo e che le rivendicazioni sulla legalità della costruzione del tempio non erano decisive. Le autorità hanno semplicemente deciso di spezzare il proprio popolo, o almeno una parte di esso, con la forza. Ci vengono presentati diversi sondaggi sociali secondo i quali la maggioranza delle persone non sostiene la Chiesa. Ma prima di tutto, conosciamo tutti la natura manipolativa di questi sondaggi. In secondo luogo, sono il risultato di una diffusa campagna sui media e sui social media per diffamare la Chiesa con accuse infondate. E in terzo luogo, non importa come lo guardi, sia i sondaggi che le dichiarazioni dei funzionari indicano che ci sono circa 6 milioni di credenti nella Chiesa ortodossa ucraina. Esiste qualche altro paese nel mondo civilizzato in cui le autorità violerebbero palesemente i diritti di un segmento così ampio della società? E come vedrà questa parte della società le autorità dopo che avranno portato via la cosa più sacra: le loro chiese?

Quanti credenti della Chiesa ortodossa ucraina sono attualmente al fronte, quanti stanno versando il loro sangue, rischiando la vita per difendere il nostro paese? Si può tranquillamente affermare che siano decine di migliaia, se non centinaia di migliaia, perché, come afferma la saggezza popolare, al fronte non ci sono atei. Possiamo proiettare il numero di 6 milioni di credenti su 30 milioni di cittadini che si trovano, nella migliore delle ipotesi, nel paese, sul numero approssimativo delle forze armate ucraine. Cosa penseranno questi guerrieri delle autorità ucraine quando sentiranno che tali autorità distruggono le loro chiese? E quanti credenti della Chiesa ortodossa ucraina, spesso donando i loro ultimi risparmi, fanno donazioni alle forze armate, raccolgono fondi per droni, veicoli e dispositivi di protezione individuale e inviano tutto questo al fronte? Continueranno a farlo dopo che le autorità avranno calpestato crudelmente i loro sentimenti religiosi?

Tutti sanno che in guerra la motivazione e lo spirito combattivo giocano un ruolo enorme, se non decisivo, consentendo alle persone di compiere miracoli e ottenere la vittoria dove sembra impossibile. Quale spirito combattivo avranno i nostri soldati dopo che le autorità avranno demolito una chiesa ortodossa nel centro di Kiev? Non si chiederanno: per cosa stiamo combattendo, dopotutto? In modo che le autorità possano continuare a distruggere le chiese, a perseguitare i credenti e a imprigionare coloro che osano dissentire?

La chiesa delle Decime è stata distrutta due volte in passato: la prima dalle orde di Batu Khan nel 1240 e la seconda volta dai bolscevichi nel 1928. A chi somigliano le autorità ucraine di oggi? Batu andava e veniva, ma i bolscevichi governarono l'Ucraina per più di mezzo secolo dopo la distruzione della chiesa delle Decime. Questo è probabilmente ciò su cui conta Zelenskij. La sua squadra parla instancabilmente della necessità che tutti i cittadini ucraini si uniscano, si mobilitino e aiutino il fronte in ogni modo possibile. Chi può vada a combattere, chi non può lavori sul fronte interno e sostenga i nostri guerrieri. Tutto questo è giusto, ma le parole della squadra non corrispondono alle loro azioni. Non parleremo nemmeno della spaventosa corruzione negli appalti militari, dell'incompetenza dei funzionari e dell'illegalità e dell'irresponsabilità a tutti i livelli dell'amministrazione statale. Concentriamoci solo su ciò che riguarda direttamente la Chiesa.

Come sappiamo, Zelenskij è salito al potere criticando il precedente presidente, Poroshenko. Un punto di questa critica era la politica della chiesa. Zelenskij ha criticato, anche nelle parodie di Kvartal 95, l'ingerenza di Poroshenko negli affari ecclesiastici, la creazione di sua mano della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", i suoi viaggi a Istanbul per elemosinare il Tomos, e così via. Come candidato, Zelenskij ha promesso che, se eletto presidente, lo stato avrebbe trattato tutti allo stesso modo e avrebbe agito nel rispetto della legge. Ha criticato le precedenti autorità per aver diviso il popolo ucraino, creando artificialmente tensioni nella società. Ecco una citazione dal suo programma elettorale del 2019: "Per 28 anni ci è stata promessa una società di pari opportunità, ma ogni volta siamo stati divisi da criteri diversi. In realtà la divisione è una sola: noi e loro. Noi siamo il popolo ucraino. Sono i 'pensionati politici' che 'migrano' dal potere all'opposizione, da un partito all'altro, e si creano costantemente posizioni vantaggiose, nascondendosi dietro l'immunità". Ora Zelenskij ha superato di gran lunga il suo predecessore. Non solo interferisce negli affari ecclesiastici come Poroshenko, ma imprigiona anche i vescovi, favorisce il sequestro delle chiese, perseguita i giornalisti ecclesiastici e ora addirittura distrugge le chiese. Facendo tutto questo, divide il popolo ucraino, divide la nostra società e dichiara di fatto milioni di persone cittadini di seconda classe. E allo stesso tempo chiede alla società di sostenere le autorità.

A chi servono in definitiva le attuali autorità ucraine che dividono la società ucraina? E cosa preannuncia per tutti noi questo segno così inquietante – la distruzione di una chiesa? Perché ora, quando la situazione al fronte è catastrofica, come dicono molti militari, quando gli aiuti occidentali sono altamente incerti, quando la mobilitazione è condotta in un modo che probabilmente fallirà, perché la squadra di Zelenskij decide adesso di sferrare un colpo del genere alla società? È stupidità o un atto deliberato per aiutare il nemico?

Per il secondo anno le autorità hanno perseguitato la Chiesa e la distruzione della chiesa delle Decime significa che sono già andati troppo oltre e non si fermeranno davanti a nulla. Cosa seguirà dopo? Quanti altri templi verranno distrutti, confiscati alla Chiesa, trasformati in musei e istituzioni culturali? Quanti altri credenti e chierici finiranno in prigione? E cosa accadrà al nostro paese e al nostro popolo se le nostre autorità oseranno sfidare Dio distruggendo una sua chiesa? Ricordiamo che "Dio non si prende in giro. Perché tutto ciò che l'uomo semina, quello raccoglierà..." (Gal 6:7).

Vorremmo concludere con una nota di speranza, con le parole della Sacra Scrittura:

Giona cominciò a percorrere la città, per un giorno di cammino e predicava: "Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta". I cittadini di Ninive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, dal più grande al più piccolo. Giunta la notizia fino al re di Ninive, egli si alzò dal trono, si tolse il manto, si coprì di sacco e si mise a sedere sulla cenere. Poi fu proclamato in Ninive questo decreto, per ordine del re e dei suoi grandi: "Uomini e animali, grandi e piccoli, non gustino nulla, non pascolino, non bevano acqua. Uomini e bestie si coprano di sacco e si invochi Dio con tutte le forze; ognuno si converta dalla sua condotta malvagia e dalla violenza che è nelle sue mani. Chi sa che Dio non cambi, si impietosisca, deponga il suo ardente sdegno sì che noi non moriamo?". Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si impietosì riguardo al male che aveva minacciato di fare loro e non lo fece. (Giona 3:4-10).

L'ira di Dio può essere scongiurata, ma solo in questo modo.

 

venerdì 26 aprile 2024

Siamo caduti letteralmente nella "CACCA". (https://www.ortodossiatorino.net/)

Cosa sta succedendo al sito dell'Unione dei giornalisti ortodossi?

 

 

 

 

 

Solo all'inizio di questo mese ricordavamo ai nostri lettori che i media ortodossi in Ucraina sono a rischio di pogrom, e a quanto pare, da circa una settimana il sito dell'Unione dei giornalisti ortodossi risulta irraggiungibile. Badate, non stiamo parlando del suo oscuramento in Ucraina (che diamo ormai per scontato), ma del suo oscuramento anche in Italia. Per fortuna rimangono ancora attivi i video su YouTube e la pagina Facebook dell'Unione, ma l'oscuramento del sito a livello internazionale è una vigliaccata globale, che ci priva delle informazioni autentiche dei nostri fratelli ortodossi in Ucraina. Ora non ci resta che pregare (una strategia tutt'altro che debole), e continuare a denunciare queste ingiustizie dovunque possibile.

 

martedì 23 aprile 2024

 CELEBRAZIONI NELLA SETTIMANA SANTA 

PRESSO LA CHIESA PARROCCHIALE "SAN GIOVANNI DI KRONSTADT" 

- PATRIARCATO DI MOSCA - CASTROVILLARI (CS)

 

 APRILE

27   S    Sabato di Lazzaro   -    Vespro  -  Vecernie  ore  17.30

 28  D     Domenica delle Palme – Ingresso di N.S.G.C. a Gerusalemme  

              Divina Liturgia ore 10.00

          Вход Господень в Иерусалим  -    Duminica Floriilor

              Filippesi  4,4-9   -   Giovanni 12,1-18 

             Al termine della Liturgia ci sarà la "Benedizione dei rami (palme)".

Ore: 17.30

La sera Ufficatura del Nimfios  (Mattutino)

(Cappella San Kosmas d'Etolia (San Basile)

 INIZIO DELLA GRANDE E SANTA SETTIMANA

  29   L       La sera Ufficatura del Nimfios    (Mattutino)

  30   M     La sera Ufficatura del Nimfios    (Mattutino)

 

            Maggio

  01   M     La sera Ufficatura del Nimfios  -  Olio Santo  (Mattutino)

                (Chiesa Parrocchiale - Castrovillari)

  02   G      Mattutino e 12 evangeli

                    (Chiesa Parrocchiale - Castrovillari)

 03   V    Ufficio delle Grandi Ore e Epitafios Trinos  (Sante sofferenze del Signore) 

                 Processione con l’Epitafios   (Chiesa Parrocchiale - Castrovillari)

   04  S      Sabato Santo  -  Mattutino di Pasqua

  05  D             PASQUA  DI  RISURREZIONE

 


 ORE  09.30

Processione ed apertura della porta

Entrata trionfale in Chiesa

DIVINA  LITURGIA   

 

 

   ХРИСТОС ВОСКРЕСЕ     ВОИСТИННУ ВОСКРЕСЕ

                        CRISTO Ė RISORTO     VERAMENTE Ė RISORTO

                            KRISTOS ANESTI     ALITHOS ANESTI

KRISHTI U NGJALLË     VIRTETA U NGJALLË

                        HRISTOS A ÎNVIAT     ADEVARAT A ÎNVIAT

 

A TUTTI  I  FEDELI  ORTODOSSI

 

B U O N A   P A S Q U A

 

Padre  Giovanni  Capparelli

venerdì 19 aprile 2024

https://www.ortodossiatorino.net

  Il discepolo disobbediente

di padre Zechariah Lynch

Patristic Faith, 29 febbraio 2024

 

Qui di seguito il lettore troverà un bel racconto di un discepolo che, attraverso la sua apparente mancanza di rigorosa obbedienza, portò grandi frutti. Egli giustamente unì il discernimento all'obbedienza. Senza discernimento, infatti, l'obbedienza può diventare abusiva. Naturalmente tale discernimento è stato (e deve essere) esercitato con grande amore e devozione cristiani. Questo è della massima importanza. Possiamo discernere che non era compito del discepolo "semplicemente obbedire", ma era anche responsabile di "comportarsi come Dio vuole". Che il Signore ci conceda la saggezza.

Penso che sia possibile anche, per il lettore comune, sostituire nel testo seguente la frase "vita monastica" con "vita cristiana". "Con quale amore vivevano la vita cristiana..." Il Signore ci conceda almeno un ditale pieno di questo amore e di compassione. Queste sono virtù coraggiose e non sono in alcun modo deboli o smidollate.

Lascio a te, lettore, che tu riceva nutrimento spirituale dal racconto stesso, tratto dal libro "Parole del cuore, della gerondissa Makrina Vassopoulou. Monastero greco-ortodosso di san Giovanni il Precursore; pp. 247-249".

Inizio del racconto:

C'era una volta un anziano che viveva una vita molto spirituale con un suo discepolo. A poca distanza dalla loro abitazione possedevano una piccola capanna abbandonata. Un giorno venne un altro anziano e chiese di viverci. "Abba, perché non mi regali quella piccola capanna, così posso abitare anch'io qui vicino a te?"

Il primo monaco rispose: "Perché no? Che ciò sia benedetto. È tua". E l'altro anziano si trasferì. L'anziano appena stabilitosi era spiritualmente molto colto e la gente lo visitava continuamente. Il primo anziano vide la folla ed ebbe pensieri invidiosi perché la gente andava dal nuovo venuto e non da lui. Non riusciva a superare tali pensieri. Dopo un po' disse al suo discepolo: "Vai a dire a quell'anziano di lasciare la capanna e trovarsi un altro posto dove vivere, perché ne ho bisogno".

Il discepolo disse: "Che ciò sia benedetto", si alzò e andò.

Quando il discepolo arrivò, chiese: "Come stai, caro padre?"

"Cosa posso dire, figlio mio? Sto lottando lungo la via monastica".

"Il mio anziano ti manda molte benedizioni e ti ama moltissimo".

"Digli che lo ringrazio e che preghi per me perché non sto bene. Mi dà fastidio lo stomaco".

Dopo un po', l'anziano proprietario della cella vide che l'altro anziano era rimasto e che la gente continuava ad andare da lui. Disse al suo discepolo di andare di nuovo dal nuovo arrivato e di dirgli di lasciare la capanna senza indugio. Il discepolo andò.

"Come stai, figlio mio? Cosa ti ha portato qui?"

"Sono venuto a trovarti, caro padre. Il mio anziano ha saputo che sei malato e mi ha mandato a trovarti. Invia i migliori auguri, preghiere e tanto amore, insieme al suo grande rispetto e stima".

"Lo ringrazio. Non ho parole per ringraziarlo del grande amore che mi dimostra. Digli che ora sto bene attraverso le sue preghiere".

Il discepolo tornò nella cella e disse al suo anziano che, a Dio piacendo, il monaco sarebbe partito entro domenica. Il povero anziano si calmò.

Di nuovo la gente andò dall'altro anziano e quando arrivò la domenica era ancora lì. Il primo anziano perse la pazienza e disse: "Ora vado a cacciarlo fuori dalla capanna con il mio bastone". Quindi si alzò per uscire.

"Lascia che ti preceda", riuscì a dire il discepolo, "per dirgli di uscire, così non ti stanchi di correre. Vedrò se c'è folla, così da non scandalizzare nessuno quando arriverai".

Il discepolo arrivò per primo e disse: "Caro Padre, il mio anziano verrà con tanto amore a visitarti e a portarti nella nostra cella". Appena seppe che sarebbe arrivato l'anziano proprietario della cella, pensò che l'anziano si fosse dato molto da fare per causa sua, e gli andò incontro. Appena lo vide, si prostrò completamente, dicendo: "Mio caro fratello, mio padre, mio benefattore", e cominciò a dirgli molte parole di affetto.

Allora l'anziano vide l'amore dell'altro, si addolcì, lo abbracciò senza dire nulla e lo condusse nella sua cella. Più tardi chiese al discepolo: "Non gli hai detto niente delle cose che ti ho detto, vero?"

"No", rispose.

Allora l'anziano prese il suo bastone e disse al discepolo: "Non sono degno di essere tuo anziano, prendi tu il bastone". Vedi quale amore avevano gli anziani e i discepoli!

Ora, se fosse andato e avesse detto qualunque cosa gli avesse detto il suo anziano, avrebbe sconvolto l'altro anziano con pensieri del tipo: "Cosa mi stai dicendo? La capanna gli era inutile e mi ha lasciato restare qui. Forse stavo richiamando io la folla? Molto semplicemente, Dio la stava richiamando". Che cortesia avevano allora. Con quale amore vivevano la vita monastica, con quale compassione! Le lotte spirituali di quel discepolo avevano raggiunto grandi altezze! Aveva convinzioni così elevate che non voleva amareggiare il cuore di nessuno dei due anziani! Il suo anziano disse: "Fai questo e quello" e lui usò il discernimento per fare ciò che era giusto. Obbedì e andò quando il suo anziano lo mandò, ma aveva questa mentalità: "Mi comporterò come vuole Dio". Aveva la grazia di Dio dentro di sé, che lo illuminava su come agire per aiutare gli anziani. In questo caso ha mostrato obbedienza con discernimento. Come vivevano le persone belle! Ecco perché dovremmo avere molto discernimento e timore di Dio nelle nostre anime.

Che cosa grave è la falsa accusa! Ascoltiamo una conversazione e andiamo a ripeterla come l'abbiamo capita. Sia che sappiamo o meno se è corretta o buona, andiamo a diffonderla. Pensate dunque al bel gesto compiuto da quel discepolo tra i due anziani! Che bell'amore, che meravigliosa compassione! Come li ha uniti! Ha aiutato il suo anziano a liberarsi della sua passione e a vivere con il suo vicino in pace e con amore!

giovedì 18 aprile 2024

Dal sito: http://www.eleousa.net

 

16/05/2024
Russia - Consiglio supremo ecclesiastico


Mosca, 16 aprile 2024 - Nella sala del Consiglio supremo ecclesiastico della Cattedrale di Cristo Salvatore, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' ha guidato i lavori dell’incontro del Consiglio supremo ecclesiastico della Chiesa ortodossa russa.
Aprendo l'incontro, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha dato il benvenuto ai partecipanti e ha annunciato l'ordine del giorno, che comprendeva quattro temi principali:

- Sul libro di testo «Fondamenti della cultura spirituale e morale dei popoli della Russia» (l'oratore principale è il metropolita Evgenij di Ekaterinburg e Verkhoturye);

- Sulle attività del clero militare nell'area dell’operazione militare speciale (l'oratore principale è il metropolita Kirill di Stavropol e Nevinnomyssk);

- Sulla bozza del documento «Programma del corso speciale “Fondamenti della formazione del clero per il servizio in una zona di combattimento” per istituti di istruzione religiosa superiore» (co-relatori: metropolita Kirill di Stavropol e Nevinnomyssk, arciprete Maksim Kozlov);

- Sullo status giuridico del clero militare (correlatori: metropolita Kirill di Stavropol e Nevinnomyssk, igumena Ksenija (Chernega).

Il Consiglio supremo della Chiesa, presieduto da Sua Santità il Patriarca, comprende:

- il metropolita Pavel di Krutitsij e Kolomna, capo dell'Ufficio per gli affari diocesani nei paesi vicini del Patriarcato di Mosca;
- il metropolita Grigorij di Voskresensk, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca;
- il presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, metropolita Antonij di Volokolamsk;
- il presidente del Dipartimento economico e finanziario del Patriarcato di Mosca, metropolita Nikandr di Naro-Fominsk;
- il presidente del Consiglio editoriale della Chiesa ortodossa russa, metropolita Kliment di Kaluga e Borovsk;
- il presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e il monachesimo, metropolita Feognost di Kashira;
- il presidente del Comitato sinodale per l'interazione con i cosacchi, presidente del Dipartimento sinodale per l'interazione con le Forze Armate e le Forze dell'Ordine, metropolita Kirill di Stavropol e Nevinnomyssk;
- il presidente della Commissione patriarcale per la cultura fisica e lo sport, metropolita Mitrofan di Murmansk e Monchegorsk;
- il presidente del Consiglio patriarcale per la Cultura, metropolita Tikhon di Simferopoli e Crimea;
- il presidente del Dipartimento sinodale per l'educazione religiosa e la catechesi, metropolita Yevgenij di Ekaterinburg e Verkhoturye;
- il capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, arcivescovo Foma di Odintsovo e Krasnogorsk;
- il presidente del Dipartimento sinodale per la carità e il servizio sociale della Chiesa, vescovo Panteleimon di Vereya;
- il presidente del Dipartimento sinodale per la gioventù, vescovo Serafim di Istra;
- il presidente del Dipartimento missionario sinodale, vescovo Evfimij di Lukhovitsij;
- il presidente del Comitato educativo della Chiesa ortodossa russa, arciprete Maksim Kozlov;
- il presidente del Dipartimento sinodale per i rapporti della Chiesa con la società e i media V.R. Legojda;
- il capo del Dipartimento giuridico del Patriarcato di Mosca, igumena Ksenija (Chernega).

Sono stati invitati a partecipare all'incontro: l’arcivescovo Sava di Zelenograd, vicedirettore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca; il vescovo Nikolaj di Balashikha e Orekhovo-Zuevo, capo e redattore capo della Casa editrice del Patriarcato di Mosca; l'arciprete Dimitrij Vasilenkov, capo sacerdote militare nell'area dell’operazione speciale; l'arciprete Igor Yakimchuk, vicepresidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne; lo ieromonaco Apollinarij (Panin), rettore del Seminario teologico di Pererva; AV. Shchipkov, primo vicepresidente del Dipartimento sinodale per le relazioni della Chiesa con la società e i media.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'; www.patriarkhija.ru)

Dal sito del Confratello P. Ambrogio di Torino.

 Alla fine cade la maschera

di Gail Sheppard

Monomakhos, 16 aprile 2024

 

Dall'angolo di George...

Alla fine cade la maschera

A quale maschera mi riferisco?

A questo: il sospetto che tutti abbiamo da molto tempo ormai su quanto sia compromessa l'Arcidiocesi greco-ortodossa d'America.

Come potete leggere voi stessi qui, Stephanos Kasselakis, il leader greco del partito d'opposizione SYRIZA è stato invitato a leggere il Credo nella cattedrale dell'Arcidiocesi greca a New York.

Secondo l'utente di Twitter che ha pubblicato questo post, si tratta niente di meno che di una mossa per "insultare pubblicamente la Chiesa di Grecia". È senza dubbio così, almeno a un certo livello. Sono sicuro che questo sia il modo in cui l'arcivescovo Elpidophoros si ribella al Santo Sinodo della Chiesa di Grecia per la sua posizione coraggiosa (e unanime) contro il matrimonio omosessuale.

È anche un modo per segnalare a tutti i liberali in Grecia che Kasselakis ha l'imprimatur dell'Arcidiocesi greca. In altre parole, Elpidophoros si intromette nella politica interna della Grecia.

Capisco tutto questo. Tuttavia, credo che qui ci sia dell'altro.

Personalmente credo che ciò sia fatto con la benedizione del patriarca Bartolomeo. Non c'è dubbio che il governo greco voglia che Elpidophoros sia sostituito da qualcuno con meno legami con l'intelligence turca. Se è così, questo potrebbe essere il modo di Elpidophoros di sfidare l'establishment greco, dicendogli sostanzialmente che non andrà da nessuna parte.

A me, da parte mia, non interessa più la situazione politica greca. Per quanto mi riguarda, l'attuale governo "conservatore" della Grecia è marcio fino al midollo. Ho pubblicamente definito l'attuale primo ministro un traditore in tutto tranne che nel nome. È un sicofante della peggior specie verso l'élite globalista, e svende la Grecia senza ottenere nulla in cambio.

Kasselakis non sarà peggio (beh, sì, lo è, ma stiamo comunque parlando del settimo girone dell'inferno rispetto al sesto), quindi alla fine la Grecia sarà fatta a pezzetti dai turchi e da chiunque altro la NATO decida che debba avere una fetta della torta. E chiunque sarà al posto di patriarca di Costantinopoli, se ne starà seduto a benedire l'intero procedimento (e recupererà tutte quelle diocesi nel nord della Grecia).

Sarò piuttosto schietto: a meno che non sia restaurata la monarchia, la Grecia è irrecuperabile, quindi non posso sprecare energie emotive per la situazione politica del paese.

Ciò che mi preoccupa è l'America o, più specificamente, la Chiesa ortodossa americana. l'Arcidiocesi greca è stata a lungo una palla al piede dell'Ortodossia americana. Nell'era dopo l'incontro di Ligonier (dal 1994 ad oggi) e al di fuori dei monasteri athoniti, ha rappresentato un ostacolo all'unità e all'autentica testimonianza cristiana. Anche l'ex primate, il santo arcivescovo Demetrios, non ha potuto resistere ai venti del liberalismo che hanno agitato le acque della cultura americana.

Con l'attuale arcivescovo si va "a tutto vapore!" verso il globalismo e l'apostasia. Non dovremmo esserne sorpresi ormai, poiché ci ha costantemente mostrato la sua mano globalista. Prima con le sciocchezze covidiane, poi l'abbraccio aperto a Black Lives Matter, la faccenda del Grosso Grasso Battesimo Gay, il discorso di apertura alla comunità dei servizi segreti americani, ecc. (Riuscite a immaginare un vescovo ortodosso russo che avesse tenuto un discorso al KGB?)

Questa è solo la punta dell'iceberg. Ricordate come si è espresso a favore dell'aborto alla Marcia nazionale per il diritto alla vita?

Seriamente, a parte un discorso del Gran Mago del Ku Klux Klan al congresso della National Association for the Advancement of Colored People, cosa potrebbe superare questo livello?

Ebbene, con l'invito di Kasselakis a "leggere" il Credo, potrebbe averlo superato. E quanto è artificiosa questa bravata? Per quanto ne so, nessuno viene scelto per "leggere il Credo" durante la Liturgia. In effetti, oltre al Padre Nostro, questa è una delle preghiere più comuni pronunciate da tutti i fedeli. Ma l'Arcidiocesi greca sta ritagliando un'eccezione per Kasselakis.

Quindi non è necessario essere uno scienziato missilistico per capire da che parte soffia il vento. Soffia nella direzione fordhamita. E non vi ingannate, anche se questo può far rabbrividire la maggior parte dei laici dell'Arcidiocesi greca (o almeno lo spero), è piuttosto tardi per quanto riguarda la cultura americana. Il colosso LGBTQI++ ha completamente travolto la nostra nazione, anche il Partito Repubblicano è impotente a fermarlo.

Io ho lasciato l'Arcidiocesi greca 24 anni fa per contribuire ad avviare una missione nella Chiesa Ortodossa in America. È una delle migliori decisioni che abbia mai preso. Non riesco a immaginare quanto mi sentirei a disagio in questo momento sapendo che, nonostante tutte le risorse di cui dispone l'Arcidiocesi greca, è totalmente d'accordo con tutte le cose orribili che attualmente affliggono la nostra cultura. Io sono quanto più greco possibile, e se io posso entrare in una giurisdizione che ha radici russe, potete farlo anche voi. Se per voi è troppo, andate in uno dei monasteri, e se il più vicino di loro è troppo lontano, passate a una parrocchia antiochena, o serba, o altro. A meno che non siate disposti a opporvi a queste sciocchezze e a riprendervi in mano le vostre parrocchie dell'Arcidiocesi greca.

Ma non pensavo che i bravi laici l'Arcidiocesi greca fossero rimasti tanto supini quanto l'élite WASP di fronte a questo assalto. Ancora non lo capisco. Forse sono ingenuo ma mi piace pensare che la brava gente di questa cattedrale lo farà uscire dalla porta, quando quel piccolo sodomita (o si dice sodomista?) si ripresenterà per perpetrare questa bravata. E se è accompagnato dall'arcivescovo Elpidophoros, anche lui dovrebbe essere accompagnato alla porta.

Quando sarà abbastanza? Mettiamo le carte in tavola, gente: ora è il momento di reagire al massimo come Braveheart contro questi buffoni.

lunedì 15 aprile 2024

https://www.ortodossiatorino.net

  Evitiamo l'unità cosmetica

Non corriamo verso un ecumenismo prematuro

di Athenagoras

Handwritings on the Wall – Musings of Orthodox thinkers, 12 aprile 2024

 

il patriarca Bartolomeo, 2024

È un fatto ampiamente noto che il cattolicesimo romano e l'ortodossia celebrano la Pasqua in giorni diversi. In alcuni anni celebrano la Pasqua a una settimana di distanza. In alcuni anni, per esempio nel 2024, la loro celebrazione della Pasqua è a più di un mese di distanza. Nel 2024, i cattolici romani hanno celebrato la Pasqua il 31 marzo, mentre gli ortodossi celebreranno la Pasqua a mezzanotte del 4 maggio.

La disparità tra la Pasqua occidentale e quella ortodossa ha portato alcuni a deplorare le differenze e a chiedere ad entrambe le tradizioni di concordare una data comune. Recentemente, nella sua omelia del 31 marzo 2024, il patriarca Bartolomeo ha espresso il desiderio che a partire dal 2025 sia i cattolici romani che gli ortodossi celebrino la Pasqua nello stesso giorno.

Ma anche da questa posizione rivolgiamo un cordiale saluto di amore a tutti i cristiani del mondo che celebrano oggi la Santa Pasqua. Imploriamo il Signore della Gloria affinché la prossima celebrazione della Pasqua del prossimo anno non sia semplicemente un evento fortuito, ma piuttosto l'inizio di una data unificata per la sua osservanza da parte sia del cristianesimo orientale che di quello occidentale.

Questa aspirazione è particolarmente significativa alla luce del prossimo 1700° anniversario nel 2025, che segnerà la convocazione del Primo Sinodo ecumenico a Nicea. Tra le discussioni cruciali c'era la questione di stabilire un calendario comune per le festività pasquali. Siamo ottimisti perché c'è buona volontà e disponibilità da entrambe le parti. Perché, infatti, è uno scandalo celebrare separatamente l'evento unico dell'unica Risurrezione dell'unico Signore!

A quanto pare, il patriarca Bartolomeo spera che entro il 2025 sia il cattolicesimo romano che l'ortodossia raggiungano un accordo su una data comune per la Pasqua e che dopo il 2025 non ci siano più date diverse per celebrarla. Inoltre, ricorda che il 2025 segnerà il 1700° anniversario del Primo Concilio ecumenico (325). Nicea I è stato un evento fondamentale in cui i vescovi sono venuti da tutto l'Impero Romano per proclamare la loro fede comune in Gesù Cristo, il Figlio di Dio incarnato venuto per salvare l'umanità.

Rifiutiamo l'unità cosmetica

Tutti i cristiani ortodossi dovrebbero cercare la fine dello scisma tra cattolicesimo romano e ortodossia. Tuttavia, dobbiamo guardarci dal cambiare la santa Tradizione per amore dell'unità cosmetica. Concordare una data comune per la Pasqua trascurando le questioni significative derivanti dal Grande Scisma del 1054 significherebbe affrettarsi verso un ecumenismo prematuro. Sarebbe come un imprenditore che si limita a dipingere sulle crepe nel muro di una casa dopo un devastante terremoto. Ricoprire le crepe e certificare come abitabile un edificio gravemente danneggiato non solo è altamente irresponsabile, ma è un comportamento fraudolento che rasenta la criminalità.

Il Grande Scisma del 1054 e le sue conseguenze

Per tutto il primo millennio, l'unità cristiana si è manifestata in segni come l'Eucaristia, le Scritture canoniche, i Padri della Chiesa, i Concili ecumenici, il Credo niceno, l'episcopato e la Pentarchia. La Pentarchia era composta dai cinque patriarcati di Roma, Costantinopoli, Alessandria, Antiochia e Gerusalemme. A differenza del protestantesimo che crede che l'unità della Chiesa universale sia un'unità spirituale e invisibile, i cristiani del primo millennio credevano in una Chiesa universale visibile e tangibile.

L'unità dei cristiani subì una grave battuta d'arresto quando il papa inserì unilateralmente nel 1014 la clausola del Filioque ("e dal Figlio") nel Credo niceno-costantinopolitano (381) . Nel 1054 , il legato pontificio, il cardinale Umberto, scomunicò il patriarca di Costantinopoli, Michele Cerulario. Ciò ha provocato le reciproche scomuniche da entrambe le parti. Anche se alcuni hanno esagerato la disputa del 1054, essa serve come punto di riferimento per quando Roma e le Chiese orientali presero strade separate. Vale la pena notare che non fu solo Costantinopoli a respingere il Filioque, ma anche gli altri patriarcati: Alessandria, Antiochia e Gerusalemme si opposero al Filioque.

L'inserimento del Filioque è stata una mossa molto significativa del papa. In primo luogo, implicava che il papa avesse un'autorità equivalente ai Concili ecumenici (Nicea I, 325, e Costantinopoli I, 381) per definire il Credo universale. Ciò è contrario all'ecclesiologia ortodossa che sostiene che la massima autorità ecclesiale risiede nei Concili ecumenici. Quando viene convocato un concilio, i vescovi, come successori degli Apostoli, si riuniscono come rappresentanti della Chiesa cattolica. In secondo luogo, l'inserimento del Filioque implicava la supremazia universale del papa su tutti i cristiani in materia di fede e di pratica. La supremazia papale è implicita nel Filioque. Ci sarebbero voluti diversi secoli prima che l'infallibilità papale fosse esplicitamente promulgata dal Concilio Vaticano I (1869-1870). In terzo luogo, il Filioque ha implicazioni significative per una dottrina della Trinità che molti ortodossi considererebbero dubbia o addirittura eretica. Per gli ortodossi è significativo che il Filioque non abbia il sostegno generale dei Padri della Chiesa.

Passi verso l'autentica unità

Il patriarca Bartolomeo deplora giustamente le differenze di calendario tra cattolicesimo romano e ortodossia. Tuttavia è significativo che egli non abbia parlato molto della necessità di risolvere le questioni derivanti dallo Scisma del 1054. Fino a quando queste questioni non saranno risolte, parlare di una data comune di Pasqua è prematuro. Concordare una data comune per la Pasqua senza occuparsi delle questioni più profonde della fede e della pratica sarebbe più una trovata di pubbliche relazioni che una vera guarigione dello scisma.

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti sui passi che possono essere intrapresi per raggiungere una vera riunificazione tra cattolicesimo romano e ortodossia. Fondamentalmente, si richiede che entrambe le parti ritornino alle radici comuni nella Tradizione apostolica, per esempio, ai sette Concili Ecumenici, ai Padri della Chiesa e alle liturgie storiche.

1. Lasciar cadere il Filioque

Il primo passo verso la riunificazione sarebbe che il cattolicesimo romano tornasse al Credo niceno-costantinopolitano originale (381) come credo normativo per la sua Messa domenicale in tutte le parrocchie del mondo. La sospensione del Filioque nella Messa domenicale in tutto il mondo dimostrerebbe che papa Francesco prende sul serio la riunificazione con l'Ortodossia. Era consuetudine, quando cattolici romani e ortodossi si riunivano, recitare il Credo niceno omettendo per quell'occasione il Filioque. Ciononostante, tali azioni sono più gesti di pubbliche relazioni che seri tentativi di sanare lo scisma tra le due tradizioni. Una vera riunificazione implica il rifiuto dell'innovazione e il ripristino delle pratiche liturgiche storiche.

Il secondo passo sarebbe che papa Francesco annunciasse che l'inserimento unilaterale del Filioque è stato un errore e che affermare che il Filioque sarà sospeso fino a quando un concilio ecclesiastico universale (compresa la storica Pentarchia e altre giurisdizioni autocefale) non si pronuncerà sul Filioque. È imperativo che la Chiesa cattolica si metta d'accordo sul Filioque, se adottarlo o escluderlo.

Molti fedeli cattolici romani, nella loro interazione con i cristiani ortodossi, hanno detto molto in difesa della doppia processione dello Spirito Santo, fraintendendo allo stesso tempo le differenze tra le due tradizioni. Laddove molti cattolici romani si avvicinano al Filioque in termini di teologia sistematica, per gli ortodossi la controversia sul Filioque riguarda fondamentalmente la teologia liturgica, cioè il nostro culto del Dio Uno e Trino nella liturgia. L'inserimento del Filioque ha gravi implicazioni sul modo in cui comprendiamo la Trinità. Quindi, mentre i cristiani cattolici romani e i cristiani ortodossi recitano versioni quasi identiche del Credo niceno, articolano comprensioni piuttosto diverse della Trinità. Questa differenza nella formulazione è una questione molto più seria della discrepanza nelle date della Pasqua che preoccupa il patriarca Bartolomeo.

2. Ripudiare la supremazia papale

Affinché i cattolici romani si riuniscano con gli ortodossi, il vescovo di Roma e il Vaticano dovrebbero ripudiare formalmente la supremazia papale e approvare formalmente la visione conciliare della Chiesa cattolica. Storicamente, l'Ortodossia ha accettato il primato papale ma ha rifiutato la supremazia papale. Per dirla in altro modo, l'Ortodossia accetta il vescovo di Roma come primo tra gli altri vescovi, ma non come superiore in rango o autorità agli altri vescovi. Una volta che il vescovo di Roma ha formalmente ripudiato la supremazia papale, i dettagli dell'amministrazione della chiesa e del diritto canonico possono essere elaborati da entrambe le parti.

3. Valutare formalmente la Messa del Novus Ordo

Sono passati quasi mille anni dal Grande Scisma, da allora il cattolicesimo romano ha subito molti cambiamenti nella sua teologia e nel suo culto. Quando un cristiano ortodosso orientale visita una liturgia copta ortodossa, vedrà e ascolterà molto di ciò che è familiare alla sua parrocchia natale. Tuttavia, quando visita una Messa cattolica, in particolare una Messa del Novus Ordo, rimarrà sorpreso e persino scioccato da quanto la Messa del Novus Ordo sia diversa dalla liturgia ortodossa.

La Messa del Novus Ordo (nota anche come Messa del Vaticano II, ovvero come Messa di Paolo VI), che ha avuto origine negli anni '60 e '70, rappresenta un sorprendente allontanamento dalle liturgie storiche. Molti cattolici si sono lamentati della mancanza di riverenza e delle scioccanti innovazioni nella Messa del Novus Ordo. Ciò che preoccupa gli ortodossi è la recente soppressione della tradizionale Messa latina da parte di papa Francesco. Ai cristiani ortodossi sembra che il cattolicesimo romano abbia abbandonato il suo patrimonio liturgico storico per uno basato sull'innovazione moderna. Esempi di innovazione liturgica includono: l'inclusione di canti secolari come "You Got a Friend" o "Stairway to Heaven", l'introduzione di ministri eucaristici laici per distribuire l'Ostia consacrata e il sacerdote che smette di pregare ad orientem (rivolto verso est).

Lo scopo ultimo della riunificazione cattolico-ortodossa è l'Eucaristia, ma ciò è possibile se la Messa del Novus Ordo è incompatibile con le antiche liturgie di san Giovanni Crisostomo e san Basilio il Grande? Si suggerisce, se il vescovo di Roma dovesse attuare i primi due passi sopra raccomandati (vale a dire, sospendere l'uso del Filioque nel culto domenicale e rinunciare formalmente alla supremazia papale), che i vescovi ortodossi convochino un sinodo pan-ortodosso che esamini la validità della Messa del Novus Ordo. La Messa del Novus Ordo non è necessariamente eretica, ma è un'innovazione sorprendente che sembra divergere dal culto cristiano storico. Questo è un problema che non può essere ignorato. Un approccio più semplice sarebbe che la Chiesa cattolica romana mettesse da parte la Messa del Novus Ordo e tornasse alla storica Messa latina, debitamente tradotta in volgare, come forma normativa del culto domenicale in tutto il mondo.

Questi tre suggerimenti sono solo i primi passi che dimostrerebbero che papa Francesco e i suoi confratelli vescovi desiderano sinceramente la riunificazione con l'Ortodossia. Fino a quando papa Francesco e il Vaticano non sospenderanno l'uso del Filioque dalla Messa domenicale in tutto il mondo, tutti i discorsi sulla riunificazione tra le due tradizioni saranno prematuri. C'è da chiedersi perché il patriarca Bartolomeo non abbia prestato maggiore attenzione al Filioque nel suo perseguimento di legami più stretti con Roma. Spetta ai laici ortodossi chiedere umilmente che i nostri sacerdoti e vescovi non soccombano all'ecumenismo prematuro e che il clero ortodosso locale trasmetta le proprie preoccupazioni ai rispettivi primati. Una componente fondamentale dell'ecclesiologia ortodossa è che l'intero popolo di Dio, dal vescovo fino al sacerdote, ai diaconi e ai laici, è responsabile della salvaguardia della santa Tradizione. È compito del clero ordinato, dei vescovi e dei sacerdoti, salvaguardare la santa Tradizione. I laici dovrebbero parlare apertamente solo se sembra che si stia tentando di manomettere la santa Tradizione.

Evitare la falsa unità

Il patriarca Bartolomeo è stato un sostenitore molto esplicito della riunificazione con Roma. Alla fine del 2019, ha informato i monaci del Monte Athos che non ci sono differenze dogmatiche tra l'Ortodossia e il cattolicesimo romano e che la riunione è inevitabile. Tuttavia, il suo ottimismo potrebbe essere prematuro. Ci sono pochissime prove che papa Francesco stia cercando di annullare la tragica eredità dello Scisma del 1054. È preoccupante che il patriarca Bartolomeo non abbia preso una posizione più forte sul Filioque e sulla supremazia papale. Fino ad allora, la migliore posizione da assumere per gli ortodossi rispetto alla riunione con il cattolicesimo romano è quella di ribadire: noi siamo ortodossi e manteniamo la santa Tradizione senza modifiche .

La tentazione di molti ecumenisti entusiasti è quella di nascondere sotto il tappeto le questioni estremamente significative che si frappongono tra cattolici romani e ortodossi. Tuttavia, ciò comporterebbe l'abbandono della santa Tradizione. Se il cattolicesimo romano desidera ritornare alle sue radici patristiche, noi ortodossi dovremmo in ogni caso aiutarlo a ritornare al cristianesimo pre-scismatico; ma non possiamo e non dobbiamo impegnare il cimelio di famiglia per una falsa unità.

Può darsi che chi scrive protesti troppo, tuttavia le recenti parole del patriarca Bartolomeo sono motivo di preoccupazione. Guardando al 2025, dovremmo stare attenti alle campagne di pubbliche relazioni che spingono i fedeli ortodossi verso una falsa unità con i cattolici romani. È importante che i laici ortodossi acquisiscano familiarità con le credenze e le pratiche fondamentali dell'Ortodossia. Una solida comprensione della Sacra Tradizione è la chiave per obbedire all'ammonimento dell'apostolo Paolo in 2 Tessalonicesi:

Perciò, fratelli, state saldi e mantenete le tradizioni che avete apprese così dalla nostra parola come dalla nostra lettera. (2 Ts 2:15)

Essere in grado di stare saldi significa non essere facilmente spinti da una parte e mantenere qualcosa significa che tale cosa non può essere facilmente strappata dalla nostra presa. In questo contesto, abbiamo bisogno di cristiani ortodossi che abbiano familiarità con la santa Tradizione. Se non abbiamo familiarità con gli insegnamenti e le pratiche dell'Ortodossia, saremo suscettibili di essere confusi dalla raffinata retorica degli entusiasti dell'ecumenismo, siano essi ortodossi o cattolici romani. Abbiamo bisogno di un fronte unito contro i falsi ecumenisti.

Nell'opporci al falso ecumenismo, dobbiamo anche guardarci dallo spirito di orgoglio spirituale e di giudizio. Dovremmo cercare di sviluppare il phronema (modo di pensare) ortodosso di umiltà e carità. E dovremmo cercare le preghiere dei grandi santi come Ireneo di Lione, Vincenzo di Lérins, Marco di Efeso e Giustino Popovich. Imitiamo lo spirito di umile servizio esemplificato da questi santi.

Vorrei concludere citando un altro vescovo ortodosso, il metropolita Filaret della ROCOR. Nel 1965, quando il patriarca di Costantinopoli, Atenagora, si incontrò con papa Paolo VI per revocare le reciproche scomuniche del 1054, Filaret scrisse per esprimere le sue preoccupazioni.

Nessuna unione della Chiesa romana con noi è possibile finché non rinuncia alle sue nuove dottrine, e nessuna comunione nella preghiera può essere ristabilita con essa senza la decisione di tutte le Chiese, cosa che, tuttavia, difficilmente può essere possibile prima della liberazione della Chiesa in Russia. che attualmente deve vivere nelle catacombe.

Con la fine della guerra fredda, la Chiesa russa è uscita dalle sue catacombe. Ciò ha permesso al Patriarcato di Mosca di svolgere un ruolo più prominente nel mondo ortodosso. La natura conciliare dell'Ortodossia significa che non siamo totalmente dipendenti da Costantinopoli. Se sospettiamo che un patriarcato corra il pericolo di allontanarsi dalla santa Tradizione, possiamo rivolgerci ad altri patriarcati per avere guida. Sebbene la riunificazione cattolico-ortodossa sia altamente auspicabile, è imperativo che Costantinopoli non cerchi la riunificazione con Roma senza il consenso e l'approvazione di Mosca e degli altri patriarchi e primati. La vera unità della Chiesa richiede fedeltà alla santa Tradizione. L'apostolo Paolo scrisse al vescovo Timoteo:

Prendi come modello le sane parole che hai udito da me, con la fede e la carità che sono in Cristo Gesù. Custodisci il buon deposito con l'aiuto dello Spirito santo che abita in noi. (2 Tim 1:13-14)

Prestiamo ascolto alle parole dell'apostolo Paolo ed emuliamo l'esempio del vescovo Timoteo.