lunedì 12 aprile 2010

Dal sito amico: Eleousa.net

 
 
Egitto - Il Patriarca Kyrill incontra Shenouda III


Alessandria, 10 Aprile 2010 - Nel palazzo del Patriarcato copto di Alessandria si è svolto l’incontro di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia, Kyrill ed il Patriarca della Chiesa copta Shenouda III. Il Patriarca Kyrill è stato accolto con canti, accompagnati da suoni di strumenti a percussione.
Alla riunione ha partecipato anche il Primate della Chiesa Ortodossa di Alessandria e alcuni vescovi del Patriarcato di Alessandria.
Nella sala del Patriarcato copto, c’erano anche i membri della delegazione della Chiesa ortodossa russa, che accompagnano il Patriarca Kyrill. Tra questi – il presidente del Dipartimento per le Relazioni esterne, metropolita Hilarion Volokolamsky, il capo della Segreteria Amministrativa del Patriarcato di Mosca, vescovo Sergio Solnechnogorsk, il presidente del Dipartimento sinodale per l’Informazione, VR Legoyda, il vicepresidente del Decr, arciprete Nikolai Balashov, il Segretario del Decr per le inter-relazioni, Rev. Igor Yakymchuk, il capo della segreteria personale di Sua Santità il Patriarca, monaco Antony (Sevryuk) e altri.
Tra i rappresentanti della Chiesa copta, c’era il metropolita Damietsky Bishoy e altri gerarchi, il clero e i laici della Chiesa copta.
Il Patriarca Shenouda, rivolgendo il suo saluto a Sua Santità il Patriarca Kyrill, ha detto in particolare di essere lieto di accogliere il Primate della più grande Chiesa ortodossa locale nel mondo.
Il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia, Kyrill ha ringraziato per le gentili parole."Con la mia visita in Egitto, saluto con amore e gioia Vostra Santità, custode dell'antica tradizione cristiana copta, - ha detto il Primate della Chiesa ortodossa russa. – Stiamo visitando la terra sacra sulle orme dell’Apostolo Marco, di Clemente di Alessandria, di Atanasio di Alessandria, di Cirillo di Alessandria. Siamo nella terra dove è nato il monachesimo. E oggi i monasteri copti continuano la tradizione del deserto del primo millennio.
Nutriamo un profondo rispetto per la Chiesa copta, perché la fedeltà a Cristo richiede coraggio speciale. Noi ci rallegriamo per le recenti politiche perseguite anche dalla leadership di Egitto, volta a superare il conflitto settario e apprezziamo il contributo personale del presidente Hosni Mubarak per colmare la tensione inter-religiosa e la creazione di pace inter-religiosa.
In particolare, vorrei sottolineare il ruolo personale di Sua Santità per preservare la tradizione cristiana, nella predicazione pacifica di Cristo, vi ringrazio per il lavoro che svolgete. Oggi, l'Egitto da un lato, la Russia, l’Ucraina, la Bielorussia, dall'altra - sono i paesi che sono aperti reciprocamente l'uno all'altro, e ogni anno milioni di figli della Chiesa ortodossa russa visitano l'Egitto. Naturalmente, vengono in primo luogo per rilassarsi in meravigliose località dell’Egitto, ma molti vengono qui per rilassarsi e raggiungere i centri spirituali d'Egitto, visitando i monasteri appartenenti alla Chiesa Copta".
Sua Santità ha sottolineato che la vita spirituale della gente comune è un fattore importante che può influenzare positivamente lo sviluppo del dialogo teologico. Molti oggi sono interessati alla Chiesa ortodossa russa - ha detto il Patriarca Kyrill. - Abbiamo una serie di giovani studiosi che mostrano un grande interesse su questo argomento. Penso che sarebbe molto bello che i giovani teologi delle nostre Chiese abbiano l’opportunità di incontrarsi, condividere le loro esperienze spirituali e partecipare alle discussioni teologiche".
Il Primate della Chiesa copta ha presentato a Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill l'Immagine del Salvatore,eseguita nella tradizionale tecnica copta. Il patriarca Kyrill invece ha donato a Shenouda III il Pastorale.
Durante l'incontro, il Patriarca Shenouda III ha condiviso i suoi ricordi in Russia e la Chiesa ortodossa russa ha raccontato i suoi viaggi ai monasteri d'Egitto.
Le parti hanno anche discusso sulla prosecuzione del dialogo teologico tra il Patriarcato di Mosca e la Chiesa copta.

(Fonte: Decr Servizio Comunicazione; www.mospat.ru)

1 commento:

Anonimo ha detto...

Meraviglioso, è una vera gioia!
p. Seraphim